Tuttosport

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Sandulli: «La sentenza Gea ha smontato l’accusa»

Sandulli: «La sentenza Gea ha smontato l’accusa»
Vota l'articolo
Si
-
No
-

© LaPresse
 
«Resto convinto che quegli scudetti la Juve li avrebbe vinti lo stesso»
ROMA, 10 gennaio - L’uomo della Sentenza del 25 luglio è ancora in Figc. Fa parte della Corte di Giu­stizia Federale che - un giorno, magari - do­vrà esprimersi su una richiesta di revisione del processo di Calciopoli. Piero Sandulli, insigne giurista e tra i padri nobili del dirit­to sportivo, lo sa che un popolo intero chie­derà la restituzione di quello che proprio lui provvide, applicando il codice, a togliere: cancellare il campionato 2004-2005, conse­gnare all’Inter lo scudetto del 2006. Fu lui a scrivere in sentenza e quindi a far passa­re come principio al quale si sono ispirati i legislatori del nuovo codice di giustizia l’il­lecito associativo, quell’illecito strutturale, quel reato associativo sportivo di cui scris­se Borrelli nella sua relazione d’accusa. Non cerca giustificazioni, Sandulli, separa: codi­ce di giustizia sportivo, da codice penale; reato da illecito. Prova a spiegare perché, secondo lui, potrebbe reggere anche alle in­temperie di una derubricazione del reato di associazione a delinquere nel processo di Calciopoli a Napoli. Sentito, professore: mezza cupola è ca­duta al processo Gea. «Attendo le motivazioni, ma è indubbio che è stato derubricato l’intero impianto d’ac­cusa a Roma». E se accadesse anche a Napoli? «Una cosa è il processo penale, una la giu­stizia sportiva. L’esempio resta quello di sempre: andare in giro senza cravatta non è illecito, ma nel circolo della caccia, se ac­cetti la sua clausola compromissoria e il re­golamento lo vieta, sei sanzionato. Punim­mo la violazione di norme interne, nel 2006. In fondo anche noi, nella nostra sentenza evidenziammo soprattutto cattive abitudi­ni, mica illeciti classici. Si doveva far capire che quello che c’era nelle intercettazioni non si fa. E’ stata una condanna etica. Il proces­so penale valuta altre cose. La sentenza del Tar su Moggi ha detto che lui ha diritto di difendere i suoi interessi, ma dava ragione a noi sulla giustizia della sanzione».

L'ARTICOLO 1 - Mica facile da accettare... «Quei comportamenti stravolgevano il con­cetto decoubertiniano. Eppoi io resto con­vinto che quella Juventus avrebbe vinto i due titoli persi lo stesso, anche senza quei disdicevoli comportamenti». La Juve l’avete quasi azzerata, però. «Nel 2006 abbiamo garantito le regole del calcio e molto attenuato la portata della sen­tenza, ulteriormente alleggerita nell’Arbi­trato. Io, a distanza di due anni, rivedo la Ju­ve lottare per il vertice: sono il patrimonio culturale del calcio italiano e anche più sim­patici ora». Se a Napoli non arriva la condanna? «Non so se è penalmente rilevante quel ti­po di frequentazione di Moggi, ma è viola­zione dell’articolo 1. E l’illecito associativo che non esisteva, era una falla nel sistema giuridico, è stato da noi introdotto. Ai tifosi ripeto che per me la giustizia penale e quel­la sportivo sono cose diverse». Ma chiederanno la revisione dei proces­si in caso di assoluzione o pena lieve. «Vale il discorso precedente, quello della cra­vatta? Quanto ai tifosi, credo che oggi pen­sino che non c’è quel qualcosa sotto di cui si chiacchierava, esacerbandosi, nei bar dai tempi dei centimetri di Turone».

DOMANDE SENZA RISPOSTA - Lei si rifà ad un modello di giustizia sportiva autonoma, ma la Procura fede­rale per indagare aspetta gli atti dai tri­bunali: senza intercettazioni, non si fan­no i processi sportivi. «Le do ragione: senza le nuove tecnologie non avremmo potuto perseguire Preziosi per la valigetta, non avremmo avuto Calcio­poli. Anche se nell’80 e nell’86 squadre come Lazio e Milan finirono in B per un calcio scommesse che non produsse nessuna con­danna penale». Peccato che sul suo tavolo di giudice sportivo arrivino casi spinosi solo se corroborati dalle informative della Po­lizia giudiziaria o dai faldoni. «In effetti. Ma mi faccia dire una cosa. Non ho partecipato al giudizio in cui si decideva la non giudicabilità di Moggi sulla questio­ne delle sim, sulle quali noi non potevamo giudicare nel 2006, visto che la Procura non aveva carte in merito, emerse nel 2007. Ep­pure non capisco le polemiche (e la rabbia federale, ndr): ma mi spiegate che economi­cità aveva a livello giuridico risanzionare un soggetto già squalificato per cinque an­ni, dimesso e ormai impossibilitato a rien­trare nell’ordinamento se poi da quasi tre anni pende su di lui una richiesta di radia­zione (ormai impossibile da perseguire, ndr)? Perché chi poteva non ha dato segui­to alla richiesta di radiazione?». Se non lo sa Sandulli...Alvaro Moretti
 
 
 
 
 
 
 
 
 

CORRELATI

 
 
 
 
 
 
 
 
 

Commenti

  • Nessun commento.
 
Per poter inserire un commento/articolo devi essere registrato
Esegui il LOGIN o, se non l'hai ancora fatto, REGISTRATI
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
I più visti

I più visti

 
Vai all'archivio dei più visti
 
I più votati

I più votati

 
Vai all'archivio dei più votati
 
I più commentati

I più commentati

 
Vai all'archivio dei più commentati
 
 
 
 
 
 

SHOPPING KELKOO