Tuttosport

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Napoli-Juve, numeri e storia

Napoli-Juve, numeri e storia
Vota l'articolo
Si
-
No
-

© Foto Liverani
 
Tutto sugli avversari dei bianconeri e sulle precedenti sfide tra le due sqaudre
TORINO, 25 marzo - La Juventus, questa sera, al San Paolo, contro il Napoli, va in cerca del riscatto. I bianconeri, dopo il pareggio casalingo contro il Siena e lo stop contro la Sampdoria devono muovere la classifica, per proseguire la corsa al quarto posto. Di seguito alcuni dati sui prossimi avversari e sulla storia della gara.

IL NAPOLI IN CASA - 6 vittorie, 7 pareggi e 1 sconfitta. Il Napoli 2009-10 ha conquistato al San Paolo 25 punti su 42 complessivi, con una quota di reti realizzate sostanzialmente simile tra casa e trasferta (18 a 19), mentre in difesa il rendimento è decisamente opposto (12 a 23). E’ quindi la solidità del reparto arretrato che sta alla base del buon percorso stabilito dalla squadra, avviatosi con un successo sul Livorno per 3-1. Successivamente, c’è stata una costante alternanza, senza riuscire mai a stabilire strisce di risultati consecutivi: 0-0 con l’Udinese, 2-1 con il Siena e con il Bologna, 2-2 con il Milan (un punto guadagnato nei minuti di recupero con una rimonta esaltante), 0-0 con la Lazio. Con l’avvento di Mazzarri sono la continuità si è avuta dal mese di dicembre: 3-2 con il Bari, 2-0 con il Chievo, 1-0 sulla Sampdoria. Ci sono poi stati ben 3 stop a reti bianche con Palermo, Genoa e Inter, per poi impattare 2-2 anche con la Roma nuovamente con una rimonta in extremis. L’ultimo incontro in casa ha coinciso con l’unica sconfitta: 1-3 con la Fiorentina, risultato maturato interamente nella ripresa, con i gol di Lavezzi, Gilardino (una doppietta) e Jovetic. Da segnalare come nel girone di ritorno il Napoli abbia diminuito nettamente la velocità del suo passo: al giro di boa i partenopei erano in piena zona Champions al quarto posto, obiettivo dal quale ora distano 5 lunghezze.

GLI UOMINI DI MAZZARRI - Non impegnato nelle coppe europee, il Napoli è una delle formazioni che ha utilizzato meno giocatori nel campionato 2009-10, solo 19 (la media in serie A supera generalmente le 25 unità). Ci sono ben due uomini a non avere saltato un incontro: il portiere Morgan De Sanctis (presente tutti i minuti, 2803) e il centrocampista Marek Hamsik. Lo slovacco è anche il goleador della squadra, seguito da Quagliarella con 7, Maggio 5, Denis e Lavezzi con 4, Cigarini e Pazienza con 2 e con una realizzazione ci sono Campagnaro, Rinaudo e Bogliacino. Finora 4 gli espulsi della squadra di Mazzarri: Aronica, Campagnaro, Maggio e Lavezzi. Veri e propri collezionisti di cartellini gialli sono Paolo Cannavaro (13) e Salvatore Aronica (11), che distanziano nettamente il resto dei compagni

LA STORIA - 19 sconfitte, 25 pareggi e 20 vittorie. Il bilancio della Juventus negli incontri a Napoli di campionato (compreso quello della serie B) vede grande equilibrio tra le due formazioni. Negli ultimi due tornei i bianconeri sono andati incontro a due stop, 3-1 nel 2007-08 e 2-1 nel 2008-09. L’ultimo successo risale al 2000-01, un 2-1 per la Juventus di Ancelotti con le reti di Kovacevic e Del Piero, che alla prima giornata con un gol nel suo stile condannò gli avversari, guidati all’epoca da Zdenek Zeman.
E’ proprio con il punteggio di 2-1 la vittoria tipica della Juve al S.Paolo. La serie prende inizio nel 1931, anno del primo scudetto del Quinquennio. Il Napoli passa in vantaggio con Vojak, ma nella ripresa Ferrari e Vecchina ribaltano il risultato. Negli anni ’50 il 2-1 si verifica in ben 3 campionati: nel 1951-52 è il danese John Hansen a firmare la rete decisiva, dopo i gol di Mari su rigore per gli ospiti e di Astorri per i padroni di casa. Nel 1954 Jeppson e Ricagni aprono l’incontro nel primo quarto d’ora. A garantire la vittoria alla sua Juve ci pensa Boniperti a inizio ripresa. Infine, nel 1956-57 è Conti a siglare il definitivo 2-1, dopo che il gol di Montico è stato annullato da Vinicio, idolo di casa, ribattezzato dal pubblico O’Lione.
Si torna a un 2-1 favorevole alla Juventus nel 1968: la differenza la fanno De Paoli e Cinesinho, è inutile il punto della bandiera di Juliano. Dieci anni dopo, Gentile apre la sfida con un gol di testa. Pareggia Pin, ma Virdis su suggerimento di Causio riporta definitivamente in avanti la formazione di Trapattoni. Stessa dinamica del match si ha nel 1997-98. Zidane realizza l’1-0. Pareggia Bellucci, abile a scattare sul filo del fuorigioco. A tre minuti dal termine ci pensa un ex della sfida, l’uruguagio Daniel Fonseca, a battere Taglialatela, non privo di responsabilità nel non saper trattenere un tiro dalla distanza.


 
 
 
 
 
 
 
 
 

CORRELATI

 
 
 
 
 
 
 
 
 

Commenti

  • matrix6525/03/2010 23:35:28
    una domanda,chi mi paga le spese mediche per la depressione che mi sono preso dal 2006 grazie non so a chi? chi risarcisce me e credo tanti altri tifosi juventini colpevoli di cosa non si sa,credo proprio che la faccio finita tra pochissimo,tra l'altro sono senza lavoro e con famiglia a carico,olè!!!!!!!!,tutto questo non sarebbe successo se la società avesse preso sul serio i miei consigli da allora ad oggi,io avrei un lavoro e uno scopo nella vita e la mia juve non sarebbe ridotta cosi',addio.
  • Andy6525/03/2010 22:49:46
    SPERIAMO CHE GIANNI AGNELLI VI FULMINI TUTTI STANOTTE STESSA
  • voglioverajuve25/03/2010 22:39:22
    per pieta' li volete mandare a quel paese!!?? Melo un giocatore da buttare, grosso ancora in campo.Fate giocare i ragazzi della primaverache questi sono talmente scarsiche al torneo del bar bidognetti arrivano secondi su due squadre.Manninger è ridicolo.Elkann andate a fare baldoria dai trans, che la vostra squadra del cuore giochera' contro il cska
  • Andy6525/03/2010 22:38:52
    ANDREA AGNELLI
    ANDREA AGNELLI
    ANDREA AGNELLI
    ANDREA AGNELLI
    MOGGI
    MOGGI
    MOGGI
    AGRICOLA
    AGRICOLA
    AGRICOLA
  • Andy6525/03/2010 22:29:10
    FINCHE' ALLA JUVE RIMARRA' QUESTA DIRIGENZA DI INTERISTI NON TIFERO' PIU' JUVE..................
  • 25/03/2010 22:26:59
  • Andy6525/03/2010 21:47:57
    PER IL SECONDO TEMPO FUORI MELO E QUELLA SPECIE DI GIOCATORE CHE SI CHIAMA GROSSO (INGUARDABILE ANCHE STASERA)
    IN TRIBUNA ANCHE MAZZARRI ISTIGATORE DI VIOLENZE IN CAMPO PER TUTTA LA PARTITA.
    ADDIRITTURA HA BRONTOLATO SULLA PUNIZIONE CHE HA PORTATO AL GOL CHIELLINI. SE GLI METTETE UN PAIO DI OCCHIALI BUONI CI STAVA ANCHE L'AMMONIZIONE PER ZUNIGA PER ENTRATA DA DIETRO SU CAMORANESI.
  • juvedok25/03/2010 19:15:11
    speriamo bene...
  • Bettega200925/03/2010 18:55:47
    prepariamoci ed un bel pareggino!!!!!!!(se va bene) ormai la storia non fa più testo!!! è stata ormai infangata!!!!! proprietà,dirigenza indegni!!!!!!!!
     
     
    Per poter inserire un commento/articolo devi essere registrato
    Esegui il LOGIN o, se non l'hai ancora fatto, REGISTRATI
     
     
     
     
     

     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
    TOP
    • 8
    • 7.5
    • 7.5
    • 7
    • 7
    • 9,18
    • 6,67
    • 6,92
    • 5,91
    • 7
    • 4.5
    • 5
    • 4.5
    • 4.5
    • 5
    • 4,57
    • 6,55
    • 5,08
    • 5,38
    • 6
     
     
     
     
     
     
     
     
     
    I più visti

    I più visti

     
    Vai all'archivio dei più visti
     
    I più votati

    I più votati

     
    Vai all'archivio dei più votati
     
    I più commentati

    I più commentati

       
      Vai all'archivio dei più commentati
       
       
       
       
       
       

      SHOPPING KELKOO