Tuttosport.com

42 commenti

Ucraina, stasera la Juve si gioca la Champions

Ai bianconeri basta il pareggio contro lo Shakhtar Donetsk per passare il turno, ma è vietato accontentarsi

Ucraina, stasera la Juve si gioca la Champions© LaPresse
DONETSK - Per frequentare la nobile Europa, che resta il palcoscenico più stimolante e gratificante. Per Antonio Conte , che fin qui ha visto la Champions sempre dall’alto e non è solo una questione di prospettive. Per il presidente Andrea Agnelli, che domani spegnerà le 37 candeline più bianconere di sempre. Per i tifosi tutti, una ventina davanti all’hotel e quattrocento attesi alla Donbass Arena, che amano la squadra senza confini. «Per continuare il grande sogno», l’urlo della truppa a occhi aperti. Juventus versus Shakhtar, stasera vietato congelare.

CROCEVIA
La Juve si gioca una fetta di futuro, quello con implicazioni molteplici, varie ed eventuali. Basta un pari per fare festa, basta mollare la tensione per rovinare la festa. E allora, tutti uniti, a testuggine, sul campo e fuori. «Testa, cuore, gambe», l’input del tecnico al culmine del ciclo. Per lui è una svolta, per la Vecchia Signora pure. Da agosto in avanti, ha frequentato box discreti e tribune discretamente ostili, ha fatto il pieno di amarezza, ha assistito ad attacchi monotematici spesso senza (poter) replicare. Poche eccezioni, tanta applicazione. E la squalifica, i quattro mesi ridefiniti dal Tnas, scadranno sabato: poi, da domenica, al Barbera di Palermo , sarà tutto - o quasi - come prima. Conte a bordocampo, Conte che urla, Conte che dà indicazioni sbracciandosi, Conte che riassaggia il dialogo con i direttori di gara, Conte che si prende il boato della folla e anche qualche epiteto, Conte che torna in gioco. Completamente.
UCRAINI INFIDI Prima, però, c’è lo Shakhtar che non sarà la madre di tutte le partite, ma resta una bella prova del nove, calcisticamente, moralmente. «Testa, cuore, gambe», gli ingredienti per una serata perfetta. Con avvicinamento non casuale, curato nei minimo dettagli, anche dal punto di vista psicologico. C’è il discorso che dà la carica, c’è la valvola di sfogo. Mai esagerare, ponderare per bene. Nella tarda mattinata del martedì, gruppo completo in avanscoperta, per le vie di Donetsk. Una passeggiata salutare, con l’aria bella frizzante a svegliare la truppa. Capitan Gigi Buffon l’uomo di punta, pur essendo un portiere, quello riconosciuto dal popolo della strada. Antonio Conte il più acclamato al rientro. Un conto alla rovescia in apparenza normale, in sostanza senza eguale. L’importanza del match è tale che nessun aspetto va tralasciato. Così, si analizza la piantina della Donbass Arena, si mette a punto il piano strategico e di sicurezza, logistico e tattico. Il meccanismo non deve avere una pecca.

IN COPPIA
Anche l’approdo anticipato a lunedì è un segno della determinazione Juve. Il volo aereo nel pomeriggio, il tecnico sereno a dialogare con il ds Fabio Paratici, la presa di contatto con la città. Infine, ieri sera, con il campo da gioco. Un allenamento in tinta. Con il cappellino in testa, con tuta e piumino, per ripararsi dal primo grande freddo in arrivo da queste parti, proprio in coincidenza con l’ultimo match del girone Champions . Il grande freddo per la grande carica. Pavel Nedved, che riscuote infinito successo, osserva e commenta. Lui sa come si fa, nel 2003 in finale si era qualificato, anche se la squalifica gli aveva tolto la gioia di mettere a terra la voglia matta di affermarsi. Conte pure sa come si fa: era tra quelli del ‘96, i magnifici cavalieri di Marcello Lippi che fecero l’impresa, in finale con l’Ajax. E allora ecco il mix di esperienze da trasmettere, ai debuttanti come ai veterani. Indicazioni per l’uso. L’ad Beppe Marotta, giunto ieri, è un “novizio” sul fronte Champions. Anche lui a seguire la seduta nell’arena neroarancio che tanto impressiona. Un’emozione da assaporare minuto dopo minuto, nel dialogo, nell’immagine, nel suono, nel confronto, nell’incoraggiamento.

AFFAMATI Dal biscotto al borsh, dal dolce alla... zuppa di barbabietola. Qui, per la Juve, è un menu variegato. C’è solo la discussione sugli ingredienti. E non c’è nessuna intenzione di scherzarci troppo su. Anche il calcio sa diventare argomento serio, da maneggiare seriamente. La squadra contiana ha un imperativo: deve essere sempre intensa. «La Juve ha il destino nelle sue mani», la molla. L’ultimo atteso è il presidente Andrea Agnelli , che non vuole mancare. Assolutamente. La (ri)salita è continua. «Perché per storia e tradizione è qui che deve stare la Juve, in alto. E questo ci riempie di orgoglio e soddisfazione. E’ chiaro che quella di Donetsk è una gara importantissima. Dovremo affrontarla con determinazione, rabbia e cattiveria perché potrebbero arrivare due risultati diametralmente opposti, dalla vetta del girone all’eliminazione. Quindi massima concentrazione, perché intendiamo continuare a sognare in Europa». Conte sente il feeling giusto. E gira lo sguardo verso i suoi, che gli vogliono davvero confezionare un regalo, stasera. Un regalo speciale. Un regalo Champions. Direttamente sul campo. «Ricordatevi da dove arriviamo», il monito. Non è importante il viaggio, è importante la destinazione. Wembley.

Elvira Erbì
Utilizza questa funzione per segnalare il commento ai moderatori.
Quale di queste opzioni descrive meglio la motivazione della segnalazione:

Per commentare, loggati con uno dei servizi disponibili:

42 commenti

  1. De Guidi Alessandro
    De Guidi Alessandroalle 17:03 del 05/12/2012

    forza Juve!!!

  2. Gianni Ponticelli
    Gianni Ponticellialle 16:54 del 05/12/2012

    Traiasca Donetk's

  3. juwonderful
    juwonderfulalle 16:03 del 05/12/2012

    MA POSSIBILE CHE IN REDAZIONE NESSUNO SI RENDE CONTO DI QUANTO QUESTI TITOLI SIANO ORRIBILI?
    BASTA PER FAVORE, TORNATE AD ESSERE UN GIORNALE SERIO. SONO VOSTRO LETTORE DA 40 ANNI, MA ORA MI VERGOGNO QUASI A LEGGERE TUTTOSPORT IN PRESENZA DI ALTRI CHE GUARDANO.

  4. Enzo DiPu
    Enzo DiPualle 17:35 del 05/12/2012

    davvero orribili questi titoli. noi lo diciamo da anni, ma sembra tutto inutile... bleeeeah

  5. Alexandru82
    Alexandru82alle 15:46 del 05/12/2012

    Certa gente parla senza pensare e mi riferiscono agli italiani che guffano la Juve stasera... in campionato e la siamo in Europa. Guardate dove sta adesso il calcio italiano per colpa di cose simili? In Europa gioca l'Italia, che sia Juventus, Inter, Milan, etc. Quando l'Inter ha vinto la champions ho esultato per Snjeder e Milito. Quando il Milan ha fatto il 3-2 a Manchester ho esultato per kaka. Ora gioca la mia Juve e rappresentiamo un paese agli occhi del resto del mondo. Un po di rispetto e di solidarieta, fuori dalla Serie A sarebbe doveroso e dovrebbe essere instintivo. Invece certa gente si limita a fare striscioni indecorosi la domenica. Mah!

  6. Gianni Ponticelli
    Gianni Ponticellialle 16:55 del 05/12/2012

    Il problema è che vi rendete antipatici!!!

  7. Enzo DiPu
    Enzo DiPualle 15:39 del 05/12/2012

    questa sera c'è un solo risultato! LA VITTORIA! forza juveeeeeeee

  8. giusgarbi
    giusgarbialle 15:32 del 05/12/2012

    Gli splendidi ragazzi di questa Juve devono fare un regalo al loro mister che tornera in campo gia a Palermo. Forza ragazzi - questa sera dovete restare uniti piu che mai - attenti e senza commettere sciocchezze . dateci questa grande soddisfazione.

  9. Javier Zanetti
    Javier Zanettialle 15:31 del 05/12/2012

    Lucescu grande vecchio cuore neroazzurro.....
    Siamo tutti con te !!!!!!

  10. MaxSentenza
    MaxSentenzaalle 15:44 del 05/12/2012

    AHAHHA caro zanetti non vi resta altro che gufare gli altri...poveri come siete ridotti..a sperare in Lucescu..ormai con tutte le pere che prendete avete fatto indigestione...

  11. BLANC-NOIR
    BLANC-NOIRalle 15:55 del 05/12/2012

    Certo che ne avete avuto dei grande allenatore.

  12. juwonderful
    juwonderfulalle 16:04 del 05/12/2012

    certo che sei peggio dl tuo PRESCRIDENTE Della PRESCRINTER