Tuttosport.com

35 commenti

Tre mancini per Conte: Clichy, Kolarov e Maxwell

Il brasiliano del Paris Saint Germain è un uomo di Raiola, che cura anche gli interessi di Ibrahimovic. Può essere una soluzione di esperienza a prezzi ragionevoli

Tre mancini per Conte: Clichy, Kolarov e Maxwell© REUTERS/GONZALO FUENTES
TORINO - La Juventus bussa a casa Kolarov , ma ad aprire è Clichy . Onde evitare equivoci, bene chiarire che non ci si trova dinnanzi a un nuovo triangolo tra compagni di squadra. Come quello che, al Chelsea, ebbe per protagonisti John Terry nei panni del traditore e Wayne Bridge in quelli del tradito (dall’amico e dalla moglie). La questione, tra il serbo e il francese, è la seguente. Nei giorni scorsi la Juventus si è rivolta al Manchester City, e non è certo la prima volta, per sondare il terreno con il club allenato da Roberto Mancini e capire le volontà degli inglesi su Aleksandar Kolarov. Ex terzino sinistro della Lazio trasferitosi ai Citizens nel 2010: 18 milioni di euro, questa la cifra sborsata meno di tre anni fa dai detentori della Premier per l’esterno. Il quale, in Inghilterra, ha mostrato un po’ a intermittenza le qualità che, invece, lo avevano contraddistinto in biancoceleste.

OPZIONE - Curiosa l’opzione che si è aperta al momento di (ri)allacciare i rapporti per Kolarov. Intermediari hanno infatti aperto alla Juventus la possibilità di ingaggiare Gael Clichy, colui che, di fatto, ha relegato in panchina il nazionale serbo. I costi dell’operazione, più o meno, sarebbero gli stessi, ma almeno nel City il francese ha dimostrato di avere un quid in più rispetto a Kolarov. Stessi costi per maggiori benefici. Questa, in sintesi, l’argomentazione attraverso la quale è stata lanciata la candidatura di Clichy.

IN SOLDONI - I costi, si diceva. La valutazione di Kolarov, complice un impiego non così continuo, è ovviamente scesa rispetto ai 18 milioni versati alla società di Lotito . Ora come ora l’ex dell’Ofk Belgrado si prende per circa 10 milioni. Cifra ragionevole, alla quale tuttavia andrebbe sommato un ingaggio molto oneroso: 6 milioni fino al 2015, questo l’emolumento annuale netto del serbo. Più alto il costo del cartellino di Clichy. In questo caso si parla di 13, 14 milioni. Mentre l’ingaggio è più basso rispetto a quello di Kolarov: 5 milioni di euro, tanto riceve su base annua il nazionale francese dal City.

IL CURRICULUM - A favore dell’ex laziale c’è invece la conoscenza del campionato italiano. Oltretutto, come detto, è in serie A che Kolarov ha fatto vedere le cose migliori. Mentre la carriera di Clichy si è sviluppata quasi esclusivamente in Inghilterra. Dopo gli esordi nel Cannes, in Francia, l’esterno sinistro si è fortificato nell’Arsenal prima del passaggio alla società di Mansur bin Zayd. L’esperienza internazionale di Clichy, comunque, non dovrebbe impedire al francese di inserirsi agevolmente in serie A.

Leggi il resto dell'articolo sull'edizione di Tuttosport oggi in edicola

Utilizza questa funzione per segnalare il commento ai moderatori.
Quale di queste opzioni descrive meglio la motivazione della segnalazione:

Per commentare, loggati con uno dei servizi disponibili:

Commenti