Tuttosport.com

commenti

Allegri: «Balotelli? Lo tratto come un ragazzo normale»

Il tecnico del Milan: «Al momento la partita con il Parma è notevolmente più importante di quella contro il Barcellona»

Allegri: «Balotelli? Lo tratto come un ragazzo normale»© Foto Pegaso
CARNAGO (VARESE) - Mario Balotelli "ritornando a Milano ha capito che deve gestirsi un pochino meglio nella vita personale, come devono fare tutti i giovani, anche perchè giocando al Milan si è un po' più al centro dell'attenzione". Ne è convinto Massimiliano Allegri. "Balotelli si allena bene, è puntuale agli allenamenti - ha aggiunto l'allenatore rossonero - io lo tratto come un ragazzo normale". Balotelli "è un ragazzo furbo, che capisce. Ma deve diventare ancora più furbo nella gestione della vita personale - ha osservato Allegri -, gli ho consigliato di non avere nè dare adito a situazioni spiacevoli". Secondo l'allenatore rossonero, l'attaccante "è venuto qui con l'intenzione di dimostrare con continuità il suo valore. È un ragazzo che dopo l'allenamento si ferma a fare lavori supplementari. Ha le qualità - ha continuato Allegri - per dimostrare di poter diventare uno degli attaccanti più forti al mondo, ma deve farlo con tutta la tranquillità. Il calcio a volte fa invecchiare in fretta, al Milan ha trovato dei coetanei che l'hanno aiutato a inserirsi". "Balotelli ha le qualità per consacrarsi - è sicuro Allegri -, in questo momento ha un ruolo da protagonista e credo che abbia tutta la voglia per diventare un calciatore di livello mondiale: ne ha tutte le qualità, tecniche e fisiche".

PARMA E BARCELLONA -
Massimiliano Allegri è "consapevole dell'importanza" per il Milan della sfida di mercoledì contro il Barcellona in Champions League, "ma ora dobbiamo lasciarla da parte perchè quella di domani con il Parma è uno degli snodi più importanti del campionato". "Bisogna essere pratici: al momento la partita con il Parma è notevolmente più importante di quella contro il Barcellona", ha spiegato l'allenatore del Milan che pensando ai catalani non è "assolutamente rinunciatario". "Ma parlare ora del Barcellona non ha senso perchè - ha aggiunto - mancano sei giorni. Un ottavo di Champions è importante, ma al momento vincere domani con il Parma è molto, molto più importante di ogni altra cosa". Allegri vede la sua squadra "in crescita". "In due settimane non possiamo diventare la squadra più forte al mondo, ma non so dove può arrivare il Milan - ha notato - La rincorsa in campionato si può anche pagare, abbiamo due partite importanti con il Barcellona, la squadra più forte al mondo, che porteranno via tante energie".
 
SU CELLINO - Massimiliano Allegri ha appreso con "grande dispiacere" dell'arresto di Massimo Cellino, suo presidente quando allenava il Cagliari. "Mi dispiace, perchè quando succedono queste cose a persone che si conoscono è sempre un dispiacere - ha commentato l'allenatore del Milan -. Spero che tutto si risolva per il meglio per Cellino, per il Cagliari e per la gente della Sardegna".
Utilizza questa funzione per segnalare il commento ai moderatori.
Quale di queste opzioni descrive meglio la motivazione della segnalazione:

Per commentare, loggati con uno dei servizi disponibili: