Tuttosport.com

12 commenti

Domenicali: «Ferrari non è ancora la più veloce»

«Non ci aspettiamo di essere i più veloci già alla prima gara, ma siamo lì a un paio di decimi, la stagione è lunga e tutto è possibile», ha spiegato

Domenicali: «Ferrari non è ancora la più veloce»© Foto Liverani

BARCELLONA - La Ferrari non sarà la macchina più veloce in pista al via della stagione del 2013 di Formula Uno. Lo ha ammesso Stefano Domenicali secondo quanto riporta la Reuters. «L'obiettivo è essere più vicini alle vetture più importanti», ha detto il team principal della Rossa, e ha aggiunto: «Non ci aspettiamo di essere i più veloci già alla prima gara, ma siamo lì a un paio di decimi, la stagione è lunga e tutto è possibile».

MONDIALE ALL'INIZIO - Felipe Massa e Fernando Alonso sono sembrati più o meno soddisfatti dopo i primi test con la F138, ma Domenicali rimane con i piedi per terra: «L'Australia non è l'ultima gara, ma solo l'inizio del campionato. Dobbiamo restare vigili e concentrati»

Utilizza questa funzione per segnalare il commento ai moderatori.
Quale di queste opzioni descrive meglio la motivazione della segnalazione:

Per commentare, loggati con uno dei servizi disponibili:

12 commenti

  1. fernandoalonso
    fernandoalonsoalle 01:11 del 27/02/2013

    Ma perchè quando pubblico il mio commento compaiono sti simboli che non fanno capire niente?
    Comunque la conclusione è che Fernando Alonso stà sprecando gli anni migliori della sua carriera che finora gli stà regalando troppo poco rispetto a quanto merita...certo se avesse trovato in Ferrari uno come Newey ora sarebbe molto vicino ai 7 titoli di Schumy!

  2. fernandoalonso
    fernandoalonsoalle 01:05 del 27/02/2013

    Sul fatto che Domenicali in questi anni abbia dimostrato di non essere all'altezza non ci piove, ma riguardo la competitività della monoposto non ha colpe, non la disegna lui. Il problema vero della Ferrari è la mancanza di uno staff tecnico e di progettisti di prim'ordine; purtroppo ci si dimentica che negli anni in cui la Rossa ha dominato il mondiale di F.1 alle spalle del mostro Schumacher c'erano delle eccellenze assolute nei rispettivi ruoli: J. Todt, Ross Brawn e soprattutto il genio Rory Byrne vero mago dell' aerodinamica in grado di proporre ogni anno soluzioni vincenti, innovative e rivoluzionarie che ponevano le vetture di Maranello in una situazione di vantaggio enorme ed irrecuperabile per gli avversari. Oggi succede lo stesso ma i ruoli si sono invertiti; il genio ce l'ha la Red Bull (Adrian Newey) che infatti è l'unica monoposto che propone regolarmente innovazioni azzeccate, e per gli alt un inseguimento continuo. Questo nonostante Alonso sia di gran lunga il più forte di tutti e

  3. IlDario
    IlDarioalle 23:41 del 26/02/2013

    Discorso che lascia presagire un altro anno di rodimento di fegato! Mi sa che Alonso tra un po' se ne vada sbattendo la porta! E pensare che, se dessero alla Juve la metà dei soldi che investono in una macchina sempre inferiore alle altre, probabilmente avremmo uno squadrone dominante in Italia e in Europa per anni!

  4. Angelo Glaviano
    Angelo Glavianoalle 04:56 del 27/02/2013

    Non sono d'accordo assolutamente. Lui e' a capo del reparto corse Ferrari. Lui e' quello che decide il da farsi e se riesce bene, allora e' lui che si becca I complimenti. Se va male se non lui chi dovrebbe prendersene la responsabilita'?
    Tra l'altro vorei ricordare quello che ha detto lui non molto tempo fa: che la Ferrrai dopo la fine della prima meta' del campionato rivolgera' le prorpie energie alla macchina nuove di un altr'anno. Il cio' vuol dire che se si vuole vincere quest'anno si deve vincere da subito. Adesso se ne vien che la gara di Melbourne e' solo la prima non l'ultima il che contraddice alla Domenicali quello da lui stesso detto prima.

    E fra non molto se ne uscira' con la solita tiritera con cui ci ha sommerso negli ultimi tre anni: lavorare duro, lavorare duro, lavorare duro, lavorare duro, lavorare duro, lavorare duro, lavorare duro, lavorare duro, lavorare duro, lavorare duro, lavorare duro, lavorare duro, lavorare duro, lavorare duro, ed Alonso afarsi il mazzo mentre Massa, CHE DEVE RIMANERE A QUASIASI COSTO, puo' fare a piacimento. Non abbiamo bisogno due machine per vincere. Ne basta solo una. L'ho sempre detto che con I raccomandati, Doemnicali e MAssa, di vincere non se ne parla. Angelo

  5. Fighters71
    Fighters71alle 21:59 del 26/02/2013

    bravo mona

  6. Paolo Wallace
    Paolo Wallacealle 21:33 del 26/02/2013

    Domenicali é da un paio di anni che te ne devi andare!! al tuo posto mai più un Italiano!

  7. Marco Martinelli
    Marco Martinellialle 21:02 del 26/02/2013

    "annamo bene"........ forse è ora di cambiare anche domenicali.
    credo che la pazienza di alonso sia agli sgoccioli.

  8. claudio67
    claudio67 tramite iPhone ®alle 20:41 del 26/02/2013

    Condivido...

  9. Danilo Marietta
    Danilo Mariettaalle 20:27 del 26/02/2013

    E siamo sempre alle solite.......abbiamo il miglior pilota e .......sta pippa di DOMENICALI!!!!!

  10. jack777
    jack777alle 19:38 del 26/02/2013

    Possibile che Montezemolo non si accorga che Domenicali è un'incapace???

  11. jack777
    jack777alle 19:37 del 26/02/2013

    Ma quando si sveglia Montezemolo e manda ............ Domenicali???

  12. Alido Pavan
    Alido Pavanalle 16:35 del 27/02/2013

    veramente....

    domenical non e un leader.

    F1, vince Rosberg

    Il tedesco domina il gp di Germania. Strepitosa rimonta di Hamilton. Male le...

    FOTO Gp Germania, bellezze a bordo pista

    Le immagini più belle da Hockenheim delle grid girls