Tuttosport

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

La Ducati trasloca, case al posto delle fabbriche

La Ducati trasloca, case al posto delle fabbriche
Vota l'articolo
Si
-
No
-

© Foto REUTERS
 
La Nuova sede è su un terreno ex agricolo della Persicetana
BOLOGNA, 14 aprile - La Ducati motor si trasferisce e al suo posto arriva un nuovo insediamento residenziale (con anche negozi e servizi) da 115.000 metri quadri. Lo prevede l'intesa tra Comune, Provincia di Bologna e Regione Emilia-Romagna che dà il via libera al nuovo stabilimento delle "Rosse" di Borgo Panigale in un'area tra la via Persicetana, la tangenziale e la via Emilia. Un terreno complessivamente da 165.000 metri quadrati, di proprietà del Consorzio Cooperative Costruzioni, che il Psc appena varato da Palazzo D'Accursio aveva inizialmente classificato come territorio rurale all'interno degli "Ambiti agricoli di rilievo paesaggistico".

TEMPI RAPIDI
- Ma ora tutto è pronto per la variante che renderà possibile l'operazione sui due fronti: costruire la nuova sede, riconvertire il vecchio stabilimento. Questa mattina la giunta Cofferati (il sindaco era assente) ha licenziato l'intesa tra gli enti locali ed i privati coinvolti. L'impegno è a procedere "in tempi rapidi" alla realizzazione del nuovo stabilimento, nei pressi del luogo dove sorge oggi la casa di Borgo Panigale. Oltre ad una maggiore "efficienza produttiva", la nuova sede dovrebbe rafforzare la collaborazione di Ducati col polo universitario e la Regione: si valuterà anche la «realizzazione di un centro ricerche aperto ad operare su tematiche di interesse per l'intera filiera motoristica di eccellenza presente a livello locale e regionale».

CASE E ATTIVITA' COMMERCIALI
- Ci sarà anche più spazio per i 40.000 "pellegrini" che ogni anno arrivano, naturalmente su Ducati, a visitare la fabbrica. Nell'atto comunale si parla in particolare di «spazi di accoglienza, di incontro e di servizio come l'auditorium, il ristorante aziendale e la pista di prova» per «ospitare adeguatamente» gli appassionati. Ma il trasferimento dello stabilimento Ducati apre soprattutto il capitolo urbanistico dello storica sede di Borgo Panigale. «Un luogo particolarmente adatto- lo descrive la delibera comunale- ad una naturale estensione del tessuto urbano residenziale». Ci sarà posto, oltre che per le case, per «attività commerciali e attrezzature di servizio ed aree a verde di quartiere, particolarmente connotate per i bambini e gli anziani». Il nuovo insediamento al posto della Ducati «sarà caratterizzato da interventi edilizi di qualità, fortemente connotati sotto il profilo della massima efficienza energetica». Nel dare il via libera al trasferimento, il municipio cita anche le ragioni della crisi economica. «Questa crisi- si legge ancora nell'atto- può comportare tagli alla capacità produttiva, ma si profila anche il rischio di perdere i livelli di occupazione e soprattutto disperdere le capacità professionali». Per questo «le parti pubbliche intendono ribadire la volontà del sistema territoriale bolognese a sostenere i processi di consolidamento e ammodernamento presentati da Ducati e pienamente condivisi a livello istituzionale».
 
 
 
 
 
 
 
 
 

CORRELATI

 
 
 
 
 
 
 
 
 

Commenti

  • Nessun commento.
 
Per poter inserire un commento/articolo devi essere registrato
Esegui il LOGIN o, se non l'hai ancora fatto, REGISTRATI
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
I più visti

I più visti

     
    Vai all'archivio dei più visti
     
    I più votati

    I più votati

       
      Vai all'archivio dei più votati
       
      I più commentati

      I più commentati

             
            Vai all'archivio dei più commentati
             
             
             
             
             
             

            SHOPPING KELKOO