Tuttosport.com

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Laureus Real Heroes - Sneh Gupta: lanciare per cambiare

Laureus Real Heroes - Sneh Gupta: lanciare per cambiare

La storia assomiglia a un film di Hollywood.twitta

giovedì 28 aprile 2016

Alcuni giocatori erano maestri nell'arte del lancio senza l'uso della gambe, mentre altri erano bravissimi come battitori e giocatori. Il team IMAGE India dalle diverse abilità era formato da ragazzi appassionati e determinati, impegnati nello sport per trasmettere un messaggio e dimostrare il loro valore.

Il team IMAGE India, costituito da ragazzi diversamente abili e normodotati ha battuto un gruppo di autisti di bus abili e baldanzosi del Rajasthan. Nei giorni prima della gara gli autisti ignoravano i ragazzi disabili in attesa di caricare i loro veicoli ma quello che è successo sul campo di Barkatullah Khan Stadium a Jodhpur ha cambiato tutto.

"Da quel giorno in poi gli autisti hanno iniziato a fermarsi per aiutare i ragazzi a salire a bordo", racconta Sneh Gupta, "e tutto grazie al cricket."

"Volava letteralmente in aria, usando solo le mani"

Sneh ha visitato la boarding school di SKSN nel 1996, durante la produzione di un importante documentario sulla vita in India. Ammette di essere rimasta sconvolta da quanto vide: la speranza instillata nei ragazzi e la positività con cui vivevano. Condotta dal dott. Narayan Singh Manaklao, la scuola stava iniziando un viaggio speciale che coinvolgeva i giovani con disabilità.

Sneh afferma: "La cosa sorprendente di questa piccola organizzazione è che quest'uomo incredibile, oltre a fornire un'istruzione, impiega anche lo sport al posto della fisioterapia dal 1991, anno di fondazione della SKSN, perché al tempo non disponevano dei fondi necessari per avvalersi di fisioterapisti."

Le attività svolte erano varie, dal "Malkhamb", uno sport che richiede forza e agilità incredibili per arrampicarsi su un palo ed eseguire posizioni di yoga sulla sua sommità, al lancio di una palla da cricket o a una corsa di 100 m.

La maggior parte dei ragazzi soffriva di polio, alcuni avevano un arto amputato e alcuni due arti amputati. Dopo avere visto tutto questo, Sneh decise di rimanere e diventare volontaria per contribuire alla causa e fare la differenza.

"C'era questo ragazzo con entrambe le gambe amputate, appena sotto ai glutei", ricorda Sneh. "Volava letteralmente in aria, usando solo le mani. Erano così felici. Non c'era motivo di commiserarli, perché erano così pieni di vita e felici".

I giovani avevano poco altro per essere felici. Di solito in India, i bambini disabili non sono inclusi nei servizi scolastici, sanitari, di trasporto, di supporto economico o persino dell'impiego lavorativo. Anzi, al termine dell'anno scolastico, molti di loro venivano dimenticati. I genitori si rifiutavano di riportarli a casa per l'estate.

"Parlo di circa 70/80 ragazzi che rimanevano da noi, dimenticati da tutti.  Lentamente abbiamo cambiato questa situazione, facendo capire ai genitori di essere responsabili dei loro figli.  Ma ciò mette in evidenza di quanto profonde siano le radici di questa esclusione".

Una nuova mentalità

Il coinvolgimento di Sneh e la creazione di IMAGE in partnership con Laureus nel 2005 ha ulteriormente implementato l'integrazione e l'istruzione dei diversamente abili. I ragazzi normodotati si recavano alla scuola dei ragazzi per praticare sport con loro. Cricket, tennis tavolo, pallavolo, pallacanestro: qualsiasi possibilità per i ragazzi disabili di praticare sport veniva colta. Lo sport era l'attività che consentiva ai ragazzi di andare avanti. Essendo il cricket lo sport nazionale in India, era quello più praticato.

“Lo sport funzionava davvero e, dopo un certo periodo di tempo, i ragazzi normodotati cominciarono a mostrare rispetto", ricorda Sneh. "Cominciarono a notare le abilità dei ragazzi disabili.  Cominciarono a capire che la mano di qualcuno non è che non funzionasse solo perché non funzionava la gamba; capirono che questi ragazzi non possono essere esclusi dalla vita o affermare che hanno abilità inferiori alle persone che hanno tutti e quattro gli arti perfettamente funzionanti". 

Cambiamento delle percezioni: un wicket per volta

La gara, tra la squadra IMAGE con membri con abilità miste e gli autisti di Jodhpur si è svolta nello stadio da cricket più grande della città, il Barkatullah Khan Stadium. Qui hanno lanciato e battuto i più grandi nomi del cricket indiano, ma quel giorno è accaduto qualcosa di speciale.

I ragazzi della squadra hanno occupato le posizioni più adatte alle disabilità personali e la partita sembrava essere scontata fino al termine dei 15 over di IMAGE. A questo punto, sembrava che gli autisti avessero il comando e, per vincere, IMAGE avrebbe avuto bisogno di 5 run su 2 palle, impresa praticamente impossibile viste le circostanze.  Ma Mahendra Singh, Youth Mentor e membro amputato di IMAGE, è riuscito a gestire brillantemente la penultima palla, realizzando l'unico sei della partita mandando in visibilio le centinaia di spettatori della comunità IMAGE e dei villaggi vicini.

Syam Lal, 19 anni, membro della squadra IMAGE di quel giorno, ricorda come se fosse ieri:

Mi sembra ancora impossibile che abbiamo vinto la partita.  È stato un momento di profondo orgoglio per me e la squadra. È lo stesso posto in cui la nazionale indiana una volta ha perso delle partite. 

"Persino durante la partita gli autisti ci chiedevano di non andarci troppo pesanti con loro.  Perdere una partita per mano di una squadra con giocatori disabili li ha devastati.  Si chiedevano come avrebbero potuto dare la notizia alle loro mogli e alle loro famiglie!

"Il messaggio che tutta la squadra è riuscita a trasmettere agli autisti di autobus è che nessuno dovrebbe essere giudicato dalle apparenze, indipendentemente da chi o da cosa ci si trova di fronte".

La partita è servita come piattaforma per i ragazzi disabili per mostrare le loro abilità e per dimostrare a un pubblico più ampio che non devono mai essere dati per scontati o giudicati. I ragazzi guardati con disapprovazione sono diventati dei modelli da seguire da un giorno all'altro, dei veri eroi che hanno mostrato il reale potere dello sport per un cambiamento sociale.

Verso il futuro

Oggi, i giocatori e una schiera di giovani leader con e senza disabilità, aderenti al programma IMAGE, continuano a modificare la percezione sulla disabilità. Si recano presso le comunità locali per trasmettere conoscenze preziose riguardo salute, istruzione, genere e disabilità tramite lo sport e dimostrando le loro abilità, guadagnandosi il rispetto di una più ampia comunità.

"Funziona in entrambi i sensi", afferma Sneh. “I ragazzi entrano e partecipano a un programma, viene data loro la possibilità di dimostrare il potenziale delle loro abilità a una comunità normodotata. In cambio, se ne andranno da quei villaggi avendo acquisito abilità in grado di favorire un percorso lavorativo, sentendosi molto orgogliosi per essere riusciti a fare qualcosa per farsi accettare."

Questi giovani hanno smesso di essere chiamati con nomi dispregiativi e ora sono trattati con rispetto e conosciuti come "bhaiyas" e "diddis" ("fratelli" e "sorelle") di IMAGE.

Tutte le notizie di Laureus World Sports Awards

Approfondimenti

Commenti