Altri Sport

Tiro a volo, skeet: Rossetti è sempre numero 1. Dopo Rio è oro iridato
© LaPresse

Tiro a volo, skeet: Rossetti è sempre numero 1. Dopo Rio è oro iridato

Per il toscano arriva anche l'oro a squadre con Cassandro e Filippelli

twitta

sabato 9 settembre 2017

ROMA - Gabriele Rossetti è sempre il numero del mondo nello Skeet. Lo era un anno fa dopo la vittoria alle Olimpiadi di Rio e si è riconfermato oggi al Fox Lodge di Mosca con la conquista del titolo iridato del 2017. Un titolo individuale che è ulteriormente impreziosito dall'oro a squadre vinto insieme a Tammaro Cassandro e Riccardo Filippelli. Rossetti ha affrontato il Mondiale russo con la consapevolezza di essere al top della preparazione e lo ha voluto ribadire componendo un perfetto percorso di approccio alla finale. L'azzurro di Ponte Buggianese ha conquistato l'accesso al sestetto dei duellanti da primo della classe con un solidissimo 123/125 che nessun altro dei fuoriclasse in gara a Mosca aveva saputo imitare. In finale, con 122, guadagnavano un posto altri cinque accreditati avversari: lo svedese Stefan Nilsson, il cipriota Georgios Achilleos e i russi Nikolay Teplyy e Alexander Zemlin e la rivelazione tedesca Vincent Haaga. A sorpresa è un Teplyy abbastanza distratto a lasciare il campo da sesto classificato dopo i primi venti lanci. Lo segue a ruota il suo connazionale Zemlin. Non centra il podio neppure Stefan Nilsson: lo svedese è quarto. Il "triello" per le medaglie è circoscritto dunque a Gabriele Rossetti, al tedesco Haaga e al cipriota di Londra Achilleos. Con l'azzurro che guida la volata. Dopo che Achilleos è rimasto fuori dalla corsa al titolo e si è classificato terzo, l'ostacolo tra Gabriele e la vittoria iridata è soltanto la rivelazione Haaga. E quando Rossetti sta conducendo per 50 a 48, la fatica di una gara che si è conservata sempre a livelli altissimi comincia davvero a farsi sentire. Gabriele non inquadra il Pull nella doppia inversa alla pedana 4 ed è "zero", ma il tedesco non sfrutta l'opportunità di riaprire il confronto e sbaglia lo stesso piattello. A quel punto la strada è davvero spianata per Gabriele che di lì a poco sale sul tetto del mondo battendo Vincent Haaga per 54 a 52. "Tutto quello che so di questo mio sport, lo devo proprio agli insegnamenti di mio padre Bruno le parole del neoiridato - È lui che mi ha insegnato a gareggiare: che è una cosa diversa dal semplice puntare alla vittoria. Gareggiare è conoscere i propri limiti e tutte le proprie capacità, valutare le proprie forze e le forze degli avversari. Gareggiare è lavorare su tutti questi elementi e farne davvero un'arma per raggiungere i traguardi che si vogliono perseguire". Domani ancora Skeet di altissimo livello per la giornata conclusiva di questo Mondiale 2017: in programma il Mixed Team con la super-coppia d'oro formata da Diana Bacosi e Gabriele Rossetti e con la seconda formazione italiana composta invece da Tammaro Cassandro e Katiuscia Spada. (

Tutte le notizie di Altri Sport

Approfondimenti

Commenti