Tuttosport.com

Scopri l'edizione digitale su Tablet e Smartphone

Atletica, Fiona May: «Che emozione la mia Larissa»
©  Montesano/Fidal

Atletica, Fiona May: «Che emozione la mia Larissa»

La dinastia Iapichino-May ha oggi la sue erede. Si tratta della figlia Larissa, vincitrice dei 300 ostacoli ai Campionati Italiani Cadetti di Cles.twitta

martedì 11 ottobre 2016

di Diego De Ponti

TORINO - Una mamma al settimo cielo. Fiona May, indimenticabile lunghista che ha portato in dono all’Italia due ori mondiali e due argenti olimpi- ci, non sta nella pelle quando parla della figlia Larissa, del suo talento e del suo successo agli Italiani Ca- detti di Cles nei 300 ostacoli. Larissa ha 14 anni ma le emozioni sono fortissime: «E’ stata un’emozione grandissima. Ma è stata anche una vera sofferenza. Ero sulle spine anche se era lei a gareggiare. Larissa invece era tranquilla. E’ una sua dote. E in questo ricorda il mio carattere». A 14 anni la giovane Larissa Iapichino ha fatto irruzione nel mondo dell’atletica giovanile italiana, un mondo dove le scosse si contano sulle dita, come fosse e un lampo. Agli Italiani Cadetti, nei 300 ostacoli, al primo anno di categoria, ha vinto di prepotenza con il tempo di 44’’25: terzo cronometro della categoria in Italia. In tribuna, a Cles, c’erano anche mamma Fiona e papà Gianni Iapichino, anche se ormai separati, a tifare per la figlia. Alla fine della gara sono scesi entrambi sul campo per fare festa. A far scoccare la scintilla per l’Atletica in Larissa è stato papà Gianni, portando la figlia al Meeting di Montecarlo per i 13 anni. Ma è l’esultanza della May, in tribuna ad aver lasciato il segno.

Leggi l'articolo completo sull’edizione digitale

Tags: AtleticaFiona MayLarissa Iapichino

Tutte le notizie di Atletica

Approfondimenti

Commenti