Tuttosport.com

Scopri l'edizione digitale su Tablet e Smartphone

Consulta nazionale di Roma, piena fiducia dei presidenti a Rizzoli

Consulta nazionale di Roma, piena fiducia dei presidenti a Rizzoli

I presidenti regionali e provinciali votano un documento a sostegno del presidente federale e della Federazione. Analogo appoggio da parte di tutti i consiglieri nazionalitwitta

martedì 8 novembre 2016

CONSULTA NAZIONALE

Si è conclusa la Consulta nazionale di Roma e per la Federbocce si è trattato di un’altra importante e significativa tappa sul cammino della crescita e della qualificazione. Presenti tutte le realtà della Penisola con i loro presidenti regionali e provinciali, questa due giorni romana si è svolta con una partecipazione corale e con un contributo di interventi che hanno spaziato su tutti i temi della vita federale, politici, tecnici, organizzativi, amministrativi, dello sviluppo e dell’innovazione.

La Consulta (nella foto), che si è tenuta nella Sala Congressi dell’Hotel Mercure della Capitale, è stata aperta dal presidente Rizzoli ricordando i terribili momenti vissuti e le sofferenze che tuttora affliggono le genti del Centro Italia devastato dal terremoto. Nell’esprimere la solidarietà di tutto il mondo delle bocce ha ricordato che, subito dopo il catastrofico evento, la Federazione ha aperto un conto corrente per raccogliere offerte a favore di tali comunità. Rizzoli ha annunciato che la grande solidarietà della Fib si estrinsecherà anche in occasione della ricorrenza dei 120 anni di fondazione promuovendo su tutto il territorio apposite manifestazioni per dare un aiuto a chi è stato colpito da questa terribile catastrofe.

L’assemblea romana dei presidenti è stata preceduta dalla riunione del Consiglio federale dove, sotto la presidenza di Rizzoli, sono stati affrontati numerosi problemi tra cui un rilievo particolare hanno avuto quelli della tecnica e dell’arbitrale. Al vertice erano presenti i vicepresidenti Francesco Del Vecchio e Laura Trova e i consiglieri Bruno Casarini, Giuseppe Taraborrelli, Gianfranco Papa, Claudio Mamino, Ermes Azzimondi, Pier Giorgio Bondaz e Pietro Brucciani con l’assistenza del segretario generale reggente Celestino Bottoni. La riunione si aperta con la relazione del presidente che ha parlato dei lavori dell’ultimo Consiglio nazionale del Coni a cui ha partecipato. Ha così anticipato una bella notizia per il mondo delle bocce poiché ai prossimi World Games che si svolgeranno nel 2017 a Wroclaw in Polonia gli atleti della Fib parteciperanno assieme a quelli delle altre discipline tutti con un’unica divisa, quella del Club Italia. “E’ un traguardo molto significativo – ha  detto – un passo importante sul piano della qualificazione”.

Il Consiglio federale ha anche ascoltato una relazione del presidente in merito ad alcuni articoli apparsi recentemente sulla stampa in cui si punta a far sorgere qualche ombra sull’operato e sul comportamento della Federazione. “Insinuazioni – ha sottolineato Rizzoli – che dobbiamo respingere fermamente non avendo la Fib nulla da nascondere ma che tendono esclusivamente a mettere in cattiva luce a fini elettorali una reggenza ed un mondo che hanno dato lustro e orgoglio alle bocce ed allo sport italiano”. Il Consiglio ha così approvato un documento, sottoscritto all’unanimità (che è stato poi letto in apertura di Consulta), che recita: “Il Consiglio federale, riunitosi in data 5 novembre 2016, preso atto della campagna diffamatoria emersa su alcuni organi di stampa esprime la sua forte condanna sui contenuti e sui metodi utilizzati che infangano la gloriosa storia della nostra Federazione e dà mandato al presidente federale di attivarsi in ogni sede e con ogni mezzo per salvaguardare il buon nome della Federazione Italiana Bocce”.

Il documento, come abbiamo detto, è stato letto in apertura di Consulta e subito dopo sull’argomento sono intervenuti numerosi presidenti regionali e provinciali che hanno espresso la loro solidarietà alla Federazione anche leggendo le tante lettere da loro inviate al presidente del Coni Giovanni Malagò con cui stigmatizzavano tale campagna diffamatoria. E’ così scaturito un altro documento, votato dalla stragrande maggioranza dei presenti alla Consulta con cui si è ribadito il pieno appoggio alla dirigenza federale e stigmatizzato le iniziative tendenti a gettare discredito sulla Fib. Ecco il documento approvato dalla Consulta e letto dal presidente della Lombardia Ripamonti che aveva al suo fianco quello del Piemonte Storto e della Liguria Traverso: “La Consulta nazionale Fib, riunitasi in Roma nel giorni 5 e 6 novembre 2016, a seguito della pubblicazione su alcuni organi di stampa di articoli e notizie lesive dell’immagine della Fib stessa e del suo presidente Romolo Rizzoli, compattamente ed unitariamente respinge tali diffamanti insinuazioni rivolte all’immagine e all’operato della Federazione, dei suoi Organi dirigenziali e di tutti i suoi tesserati”.

Dopo queste importanti e forti prese di posizione i lavori sono proseguiti toccando numerosi temi di ordine tecnico, arbitrale ed organizzativo. Il responsabile del Settore tecnico federale, Junho Park, ha svolto un’ampia e approfondita relazione parlando delle problematiche e dei programmi e regolamenti di tutte tre le specialità di gioco. Al suo intervento sono seguiti quelli di tanti presidenti che hanno voluto prendere la parola per apportare un importante contributo di idee e di suggerimenti sui temi specifici.

Durante i due giorni di lavoro, sia con la relazione di apertura che con i successivi interventi per rispondere alle tante domande e proposte avanzate dai vari presidenti che si sono succeduti al microfono, Rizzoli ha messo a fuoco l’operato, le idee ed i programmi della Federazione parlando di ieri, di oggi e di domani. Settore giovanile, attività paralimpica, visite mediche per gli atleti, collegamento televisivi con i centri tecnici regionali, campionati di serie, categorie. E non è mancato l’argomento dei 120 anni di vita della Federazione che saranno festeggiati il prossimo anno con tutta una serie di iniziative sul territorio. A tale scopo è stato consegnato a tutti i presenti il distintivo che ricorda l’avvenimento. E’ stato toccato tutto. Due giornate con tantissimi argomenti, tutti di attualità e di vivo interesse. Una valanga di proposte, suggerimenti, richieste di delucidazioni, e non sono mancati gli apprezzamenti all’operato federale, che ha evidenziato con quanta partecipazione e dinamismo si stia muovendo il mondo delle bocce.

Particolarmente applaudita l’espressione di orgoglio manifestata dal presidente Rizzoli per i lusinghieri risultai ottenuti nel quadriennio olimpico che si sta concludendo, un percorso di sport ad alto livello che ha visto le bocce conquistare centinaia di medaglie d’oro, d’argento e di bronzo sui campi di tutto il mondo. A tale scopo, sullo schermo alle spalle del direttivo dove sono stati filmati tutti i lavori della Consulta, sono state proiettate le immagini dei momenti più significativi del quadriennio con immagini, situazioni e volti di tutti i grandi protagonisti. Tanti flash che hanno commosso e che, alla fine, hanno scatenato l’applauso corale della sala.

SERIE A VOLO

Terza giornata di massimo campionato del volo all'insegna della Perosina, unica ad aver conquistato l'intera posta in palio. E' stato infatti il pareggio a contraddistinguere gli altri tre incontri in programma. La formazione del tecnico perosino Elio Bert, dopo una buona partenza (10-6) sui campi veneziani della Noventa di Piave, ha affondato i colpi nella fase finale mettendo al tappeto i padroni di casa che hanno trovato soltanto due punti di orgoglio. Occorre sottolineare le due sconfitte subite dai piemontesi nelle prove veloci: 38 a 42 di Micheletti contro Milicevic e 41 a 49 del tandem Micheletti-Longo nei confronti di Milicevic-Sari.

La sfida più attesa della giornata, il match fra Brb e Pontese, si è chiuso senza vincitori. I rossi campioni d'Italia non sono riusciti a sfruttare il parziale vantaggio di 10-6 maturato prima dell'ultima fase, riuscendo a strappare ancora due punti con la terna. I trevigiani del tecnico Roberto Scarpat hanno riscattato la sconfitta subita il sabato precedente sui terreni della Perosina, cogliendo un pareggio che vale doppio, visto come si erano messe le cose al termine della fase centrale. Sfida ad alta gradazione tecnico-agonistica-spettacolare contraddistinta da alcuni punteggi di rilievo come il 29 di Causevic nel combinato, il 58/62 a 59/61 fra gli staffettisti Brnic-Ferrero e Borcnik-Ziraldo, il 46 su 49 di Brnic nel tiro progressivo e il 36 nel combinato a coppie di Sever-Ziraldo.

Anche gli altri due incontri hanno maturato gli esiti nelle ultime quattro prove. Canova, Ferriera e Gaglianico sono riuscite a cancellare lo zero in classifica. I trentini, ospitanti la Ferriera, con un colpo di coda (parziale negativo di 6-10) si sono imposti nel combinato a coppie, nell'individuale e a terne, negando ai piemontesi la gioia di un successo già accarezzato dopo la vittoria a coppie di Piero Amerio-Simone Ariaudo. Stessa musica fra Borgonese e Gaglianico, ma nella circostanza a parti invertite. I padroni di casa hanno invano cercato di capitalizzare il vantaggio trovando solo i due punti del combinato a coppie di Koziek-Petric, con un pregevole 37.

SERIE A – 3a giornata -  Noventa - La Perosina 8-16, Brb - Pontese 12-12, Canova - Ferriera 12-12, Borgonese - Gaglianico 12-12 (La Perosina 6, Brb 5, Borgonese 4, Noventa e Pontese 3, Ferriera, Gaglianico e Canova 1).

SERIE A RAFFA

(4a giornata)

APER Capocavallo - Ancona 2000 2-0 (59-47)

Maccarelli-Battistoni-Palazzetti (2° set Gori) – Cesini-Marinelli-Ascani (2° set Castelli) 8-7, 8-7, Santucci – Agostini 8-4, 5-8, Santucci-Maccarelli – Cesini-Marinelli 8-2, 8-7, Vitali-Gori (2° set Dormentoni) – Agostini-Ascani 8-4, 6-8. Direttore Renato Salvi di Roma.

Boville Marino - MP Filtri Caccialanza 1-2 (47-58)

Palma-Nanni-Facciolo – Luraghi M.-Paone-Luraghi P. 8-5, 8-6, Di Nicola G. – Viscusi 6-8, 1-8, Palma-Facciolo (2° set Diomei) – Luraghi M.-Paone 6-8, 3-8, Nanni-Di Nicola G. – Luraghi P.-Viscusi 8-7, 7-8. Direttore Sandro Palombo di Frosinone.

Fashion Cattel - Montegranaro 1-0 (53-42)

D’Alterio P.-Zovadelli-Manuelli – Ombrosi-Santone-Di Nicola M. 1-8, 8-4, D’Alterio G. – Dari 8-6, 8-1, Zovadelli-Manuelli – Santone-Di Nicola M. 7-8, 8-4, D’Alterio P.-D’Alterio G. – Angrilli-Dari 5-8, 8-3. Direttore Valter Driol di Venezia.

GS Rinascita - Enrico Millo 2-0 (52-42)

Paleari-Bartoli-Provenzano – Santoriello-Califano-Laudato 1-8, 8-5, Savoretti – Scolletta 8-3, 8-6, Bartoli-Provenzano – Santoriello-Laudato 3-8, 8-3, Paleari-Savoretti – Scolletta-Califano 8-5, 8-4. Direttore Ottavio Pederzini di Bologna.

L’Aquila - CVM Utensiltecnica 2-0 (55-41)

Cappellacci-Casinelli Simone-Casinelli Stefano – Miloro-Paolucci-Monaldi 8-7, 6-8, Formicone – Rosati 8-6, 8-3, Cappellacci-Casinelli Simone – Miloro-Monaldi 8-3, 1-8, Formicone-Casinelli Stefano – Paolucci-Rosati (2° set Girolimini) 8-3, 8-3. Direttore Domenico Sposetti di Teramo.

Montecatini AVIS - Alto Verbano 1-2 (46-56)

Lorenzini-Matalucci-Pellegrini – Antonini-Chiappella-Signorini 5-8, 4-8, D’Alterio A. (2° set Bassi) – Andreani 1-8, 5-8, Lorenzini-Pellegrini (1° set D’Alterio A.) – Chiappella-Signorini 8-7, 7-8, Bassi-D’Alterio D. (1° set Franci) – Andreani-Rotundo 8-6, 8-3. Direttore Walter Rinaldi di Modena.

SERIE A RAFFA (4a giornata) APER Capocavallo - Ancona 2000 2-0, Boville Marino - MP Filtri Caccialanza 1-2, Fashion Cattel – Montegranaro 1-0, Rinascita - Enrico Millo 2-0, L’Aquila - CVM Utensiltecnica 2-0, Montecatini AVIS - Alto Verbano 1-2 (Fashion Cattel 12, MP Filtri Caccialanza e GS Rinascita 10, Alto Verbano 9, Boville Marino 6, Montegranaro, L’Aquila, APER Capocavallo e Enrico Millo 4, CVM Utensiltecnica 2, Montecatini AVIS e Ancona 1).

SERIE C RAFFA

(1a giornata)

Girone 1: Trony Crema - Fulgor 2-1 (53-46), Canottieri Flora – Tritium 0-3 (34-57). Classifica: Trony Crema e Canottieri Flora 3, Fulgor e Tritium 0.

Girone 2: Bruno Vicentini – Villafranca 1-3 (41-52), Sanpierina – Madonnina 2-0 (54-42). Classifica: Sanpierina e Villafranca 3, Madonnina e Bruno Vicentini 0.

Girone 3: Cecina Bocce – Scandiccese 1-0 (52-33), Migliarina – Grossetano 2-0 (62-37). Classifica: Cecina Bocce e Migliarina 3, Scandiccese e Grossetano 0.

Girone 4: Città di Castello – Gialletti 0-1 (33-45), Umbertide – S. Angelo Montegrillo 1-2 (47-55). Classifica: Gialletti e S. Angelo Montegrillo 3, Città di Castello e Umbertide 0.

Girone 5: Civitanovese – Castelraimondo 2-1 (49-38), Jesina – Sambucheto 2-1 (47-39). Classifica: Jesina e Civitanovese 3, Sambucheto e Castelraimondo 0.

Girone 6: Lucrezia – Oikos Fossombrone 1-1 (48-41), Rinascita – Castelfidardo 1-1 (47-47). Classifica: Lucrezia, Rinascita, Castelfidardo e Oikos Fossombrone 1.

Girone 7: Città di Campli – San Salvo 2-1 (58-48), San Michele – Selva 1-2 (44-43). Classifica: Selva e Città di Campli 3, San Michele e San Salvo 0.

Girone 8: Acquasparta – Spoletina 3-1 (55-31), Oriolo Vejano – Etruria 1-0 (48-47). Classifica: Acquasparta e Oriolo Vejano 3, Spoletina e Etruria 0.

Girone 9: Settignano – Castelverde 1-1 (43-42), SS. Assunta – CB Arce 2-0 (55-30). Classifica: SS. Assunta 3, Settignano e Castelverde 1, CB Arce 0.

Girone 10: Frezza – Enea 2-0 (62-27), Kennedy – Aquino 2-1 (45-39). Classifica: Frezza e Kennedy 3, Enea e Aquino 0.

Girone 11: L.A. Impianti – Libertas S. Antonio 4-0 (64-20), Com. Bellizzi – San Modesto DLF 2-0 (56-32). Classifica: Com. Bellizzi e L.A. Impianti 3, San Modesto DLF e Libertas S. Antonio 0.

Girone 12: Pezzuto S. Rosa – Aldo Pietra 0-2 (44-55), Cavallino – San Michele 0-3 (41-59). Classifica: Aldo Pietra e San Michele 3, Pezzuto S. Rosa e Cavallino 0.

Girone 13: Città di Rende – Città di Cosenza 3-0 (58-37), San Paolo – Catanzarese 3-0 (60-34). Classifica: Città di Rende e San Paolo 3, Città di Cosenza e Catanzarese 0.

Girone 14: Edera Marsala – Le Vittorie 2-1 (54-40), Petrosino – Dolcefrio 1-1 (51-44). Classifica: Edera Marsala 3, Petrosino e Dolcefrio 1, Le Vittorie 0.

Girone 15: Galligel Sestu – Comunale Carbonia 2-0 (54-30), Serramanna – SOMS Oristano 2-1 (47-38). Classifica: Galligel Sestu e Serramanna 3, Comunale Carbonia e SOMS Oristano 0.

Girone 16: Acli Sestu – Ittirese 4-0 (64-13), Sacro Cuore – Comunale Settimo S. P. 3-0 (58-38). Classifica: Acli Sestu e Sacro Cuore 3, Ittirese e Comunale Settimo S. P. 0. (FF)

GARE INTERNAZIONALI RAFFA

2° Gran Premio Pannocchia d’oro – Vigasio (Verona) – Direttore Paolo Castellari di Perugia – 216 coppie di categoria A-B-C – Classifica: 1° Andrea Bagnoli-Marco Russo (Villafranca, Verona), 2° Roberto Signorini-Giovanni Scicchitano (Villafranca, Verona), 3° Maurizio Mussini-Luca Ricci (EU Sersar Brescia Bocce, Brescia Centro), 4° Diego Paleari-Alfredo Provenzano (GS Rinascita, Modena), 5° Alberto Missiaggia-Alessandro Orbana (Vigasio, Verona), 6° Renzo Tosca-Daniele Sacchetti (CS Tricolore, Reggio Emilia), 7° Marco Luraghi-Ferdinando Paone (Caccialanza P., Milano), 8° Paolo Grigoletto-Andrea Bettin (Saccisica 3000, Padova). Punteggio della finale: 12-2.

GARE NAZIONALI RAFFA

1° Trofeo PhoneAll – Montesacro Alto (Roma) – Direttore Sandro Palombo di Frosinone – 128 individualisti di categoria A – Classifica: 1° Francesco Campisi (Boville Ernica-Eretum Bocce, Frosinone), 2° Mario Scolletta (Enrico Millo, Salerno), 3° Rodolfo Rosi (S. Erminio, Perugia), 4° Simone Casinelli (Virtus L’Aquila, L’Aquila), 5° Stefano Casinelli (Virtus L’Aquila, L’Aquila), 6° Gianluca Formicone (Virtus L’Aquila, L’Aquila), 7° Giuliano Di Nicola (Boville, Roma), 8° Raffaele Tomao (S. Erminio, Perugia). Punteggio della finale: 12-8.

1° Trofeo PhoneAll – Montesacro Alto (Roma) – Direttore Sandro Palombo di Frosinone – 152 coppie di categoria B-C – Classifica: 1° Giovanni Barletta-Andrea Lazzarini (Montesacro Alto, Roma), 2° Giancarlo Di Filippo-Carlo Marta (Falconi Renato, Roma), 3° Ernesto Aloise-Giuseppe Nataloni (J.F. Kennedy, Roma), 4° Mario Spezzacatene-Pietro Dara (Villanova, Roma), 5° Giuseppe Gravina-Domenico Di Giuseppe (Villa Adriana, Roma), 6° Giuseppe Donsanti-Bernardino Medoro (J.F. Kennedy, Roma), 7° Roberto Di Rienzo-Mauro Santese (Guidonia Lauretana, Roma), 8° Walter Castellucci-Sergio Petrucci (Roma Nord, Roma). Punteggio della finale: 12-2.

PETANQUE

Il Trofeo “Nicola Cucchietti” rimane in terra cuneese. A vincere questa 6a edizione sono stati i portacolori della Buschese Fabrizio Poetto, Marco Barberis e Mauro Costa che in finale hanno battuto le magliette rosse dell’Auxilium di Saluzzo Andrea Massel, Mauro Rinaudo e Patrick Canavese per 13-5. Sul gradino più basso del podio sono saliti i genovesi dell’ABG Alessandro Basso, Daniel Petuicchio e Jacopo Gardella battuti in semifinale dai vincitori per 13-9 e i droneresi della Valle Maira di Cuneo Bruno Perotti, Marco Biamonte e Paolo Lerda sconfitti di misura, 13-12 dai secondi classificati.

Tutte le notizie di Bocce

Approfondimenti

Commenti