Tuttosport.com

Scopri l'edizione digitale su Tablet e Smartphone

Ciclismo, tutta la Sardegna in bici per Fabio Aru
© ANSA

Ciclismo, tutta la Sardegna in bici per Fabio Aru

La grande festa della sua gente per il vincitore della Vueltatwitta

domenica 18 ottobre 2015

VILLACIDRO (SARDEGNA) - Bagno di folla per il vincitore della Vuelta Fabio Aru nella sua Villacidro per la "PedalAru". Il ciclista non si è sottratto alla full immersion tra la sua gente: amici, parenti, ex compagni di scuola ed ex professori. Tra selfie, abbracci, strette di mano e autografi ha accontentato davvero tutti. Prima ha pedalato insieme ai bambini nel mini circuito cittadino del centro storico. Commovente il grido dei piccoli fan "Fabio, Fabio", in estasi per essere con la loro bici accanto al loro campione eroe. Tifo sfrenato anche ai due lati della strada come se fosse la gara decisiva del Giro di Italia. Poi l'abbraccio collettivo con i più grandi arrivati per lui da tutte le parti della Sardegna. Il cavaliere dei Quattro Mori ha accontentato tutti anche in strada cercando di stare vicino a chi era davanti e a chi stava indietro. Insieme a Aru non poteva mancare Paolo Tiralongo, amico e compagno di squadra dell'Astana del campione di Villacidro. A proposito di Giro Aru ha suggerito ancora una volta che la storica gara possa tornare in Sardegna. Lo ha detto dal palco poco prima di salire in sella alla sua bici: «Voglio stuzzicare chi può fare qualcosa, sarebbe davvero importante». Prima di partire il campione ha lanciato una scherzosa raccomandazione. «Non correte troppo - ha avvertito - altrimenti mi staccate e io che figura ci faccio?».

IL SINDACO - Stretta di mano anche con il sindaco Teresa Pani. «Sei l'orgoglio di Villacidro, della Sardegna e dell'Italia», ha esordito il primo cittadino. Un 2015 eccezionale: due tappe vinte al Giro d'Italia con una temporanea maglia rosa e un secondo posto finale. Poi l'ultimo successo, il trionfo alla Vuelta: è il sesto ciclista italiano nella storia ad aver compiuto questa impresa. Il futuro è tutto da scoprire. Ma il 2016 - naturalmente non c'è niente di ufficiale perché il programma non è stato ancora preparato - potrebbe essere quello buono per correre nelle strade di Francia al Tour. E chissà: un altro possibile obiettivo potrebbero essere le Olimpiadi. Ma oggi è stato il momento della festa, del grande abbraccio. Dei premi e persino delle poesie che i suoi fan e concittadini hanno scritto per lui. Una festa durata tutta la mattina e terminata con un pranzo dai numeri record in un capannone all'ingresso di Villacidro.

Tags: Fabio Aru

Tutte le notizie di Ciclismo

Approfondimenti

Commenti