Tuttosport.com

Scopri l'edizione digitale su Tablet e Smartphone

Vela, ultimi giorni in Atlantico per Mura 
© ANSA

Vela, ultimi giorni in Atlantico per Mura 

Con 'Italia' tenta il record del Mondo in solitariotwitta

martedì 29 novembre 2016

ROMA - Ultimi giorni in Atlantico per Italia e Gaetano Mura, che sabato o domenica doppieranno il Capo di Buona Speranza, estremità meridionale dell'Africa, ed entreranno nell'oceano Indiano, il primo dei mari del sud, tra i più affascinati e temuti dai velisti. L'Ocean Racer italiano è impegnato nel 33° giorno di navigazione per stabilire il nuovo record sul giro del mondo da Gibilterra a Gibilterra, in solitario su un Class 40 (scafo di 12 metri). Al passaggio del Capo di Buona Speranza mancano meno di 1.000 miglia, circa 1.800 chilometri. Mura e Italia hanno una situazione meteo favorevole, navigano verso Sud-Est su mure a dritta (il vento investe cioè la barca da destra) per posizionarsi alla latitudine migliore dalla quale fare il salto definitivo verso il "southern ocean", l'oceano del Sud. L'anticiclone di Sant'Elena che nei giorni scorsi è rimontato verso Est dalle coste argentine è ben consolidato e ha garantito un'ottima situazione meteorologica nelle ultime 48 ore. Posizionato immediatamente a Nord dell'Isola di Tristan, nelle prossime ore si sposterà ulteriormente ad Est a ridosso delle coste del Sudafrica. La situazione sta facendo procedere Italia sotto la spinta di un vento di discreta intensità, tra i 15-20 nodi con direzione media 280°-290°, ma già dalle prossime ore una rotazione a destra del vento permetterà a Gaetano di strambare su mure a sinistra e quindi far rotta con un lungo bordo fino al traverso del Capo di Buona Speranza, che si stima possa doppiare tra il 3 ed il 4 Dicembre. Alle spalle di Gaetano e Italia, sta arrivando un altro degli skipper impegnati nel Vendée Globe intorno al mondo, il francese Kito de Pavant, altro grande nome della vela oceanica francese. Gaetano spera: "Chissà che non possa incrociare la mia rotta anche con lui, dopo averlo fatto qualche giorno fa con Jean Le Cam". Intanto Mura annota le sue giornate sul giornale di bordo. "Le notti sono brevi, le giornate senza tempo. Apro gli occhi dalla cuccia calda e confortevole con l'animo sereno come fossi a casa e con questa idea rimango per un attimo, prima di rammentare che ci troviamo alle porte dell'Oceano Indiano aprendo un varco in velocità nel buio nero della notte australe". "Accendo il fornello per scaldare un pò d'acqua - prosegue Mura - Preparo il mate e ringrazio il cielo che anche oggi le condizioni me lo concedano. Italia mi fa il resoconto delle miglia percorse durante il mio riposo, ancora una volta ha vegliato su di me e gliene sono grato. Ora tocca a me, devo andare fuori per un controllo: Un'altra giornata di onde e di vento è cominciata per noi...".

TUTTO SUGLI ALTRI SPORT

Tags: velamura

Tutte le notizie di Vela

Approfondimenti

Commenti