Tuttosport.com

Scopri l'edizione digitale su Tablet e Smartphone

Coppa America, New Zealand parte forte: Oracle due volte ko
© REUTERS

Coppa America, New Zealand parte forte: Oracle due volte ko

Il defender in chiara difficoltà nelle prime due regate della serie alle Isole Bermuda. L'America's Cup verrà assegnata a chi vincerà sette match race. Ora il risultato è di 1-0twitta

sabato 17 giugno 2017

TORINO - Un inizio migliore non poteva esserci per Team New Zealand, challenger della 35ª America's cup di vela, in corso nello specchio d'acqua delle Isole Bermuda. I 'kiwi' hanno messo le mani sulle prime due regate della serie (il trofeo andrà all'equipaggio che avrà vinto sette match race, la sfida a mare nell'uno contro uno), piegando la resistenza dei defender di Oracle del re dei software Larry Ellison, che conquistò la prestigiosa coppa nel 2010, fino ad allora detenuta da Alinghi di Ernesto Bertarelli, e l'ha già difesa vittoriosamente nel 2013, proprio contro i neozelandesi di Grant Dalton.

Malgrado il 2-0, in realtà la serie di finale ha portato 'solo' un 1-0 parziale nelle tasche dei neozelandesi, dal momento che gli statunitensi partivano da un +1, e non dallo 0-0, grazie al successo conquistato nei due Round Robin delle scorse settimane. Nella prima sfida odierna, disputata con vento debole (intorno ai 10 nodi) che favoriva gli sfidanti, Team New Zealand ha sfruttato una partenza anticipata dell'australiano James Stithill su Oracle (la sua aggressività può essere o non essere un vantaggio) ma, nella sostanza, è apparso più veloce degli avversari, imponendosi di 30".

Nella seconda competizione il divario fra le due imbarcazioni sale addirittura a 1'28", pure perché il vento non cambia. Bravo Peter Burling, nuova stella della vela 'kiwi', che riesce a controllare Stiphill e sfrutta un errore in strambata dell'equipaggio a stelle e strisce. E' presto per fare calcoli, anche per via del fatto che i neozelandesi sono tutt'ora scioccati dalla grande rimonda di Oracle nell'ultima finale. Ci si chiede ancora come abbia potuto perdere Team New Zealand 9-8, dopo essere stato in vantaggio per 8-1, nella baia di San Francisco. Ma tant'è. In ogni caso, domani sono in programma altre due regate e se ne saprà di più su chi abbia giovato dei match race di avvicinamento alla grande finale, che proseguirà il 24 e 25 giugno, lunedì 26 e martedì 27. E' tempo di verdetti alle Bermuda.

Tutte le notizie di Vela

Approfondimenti

Commenti