Tuttosport.com

Scopri l'edizione digitale su Tablet e Smartphone

Ginobili ricorda l'Italia:
© REUTERS

Ginobili ricorda l'Italia: "Lì ho imparato a giocare e vincere"

Intervistato dalla FIP il fuoriclasse argentino in forza agli Spurs ha parlato a 360° dei suoi anni trascorsi in Serie A e non solotwitta

mercoledì 21 marzo 2018

ROMA - Il fuoriclasse argentino Manu Ginobili - reduce dal successo ottenuto con i suoi Spurs contro Golden State - è stato intervistato da una delegazione della FIP presente in questi giorni a San Antonio dove il giocatore nativo di Bahia Blanca gioca dal lontano 2002. Ginobili ha cominciato la sua intervista ricordando proprio gli anni trascorsi in Serie A con la Viola Reggio Calabria, squadra con cui ha esordito in Italia, e con la Virtus Bologna con cui si è definitivamente consacrato al grande basket vincendo anche l'Eurolega: «In Italia mi sono sviluppato e sono diventato un giocatore completo. Giocando con dei campioni ho cominciato a vincere e ho imparato tanto. A Reggio ho iniziato a comprendere il livello europeo e poi sono passato a Bologna dove ho potuto giocare con campioni di altissimo livello e competere per vincere l'Eurolega. Questo mi ha fatto crescere velocemente».

MESSINA - Ginobili ha poi parlato di coach Ettore Messina che lo ha portato al successo alla Virtus e che ora condivide con lui l'esperienza agli Spurs essendo il vice di Gregg Popovich: «Spesso a fine allenamento mi fermo a parlare con lui mentre tiro e ricordiamo i vecchi tempi. Con lui ho un bellissimo rapporto che è cresciuto nel tempo. Vent'anni fa era un rapporto basato sul rispetto giocatore-allenatore mentre ora si è trasformato in un'amicizia. Il rispetto resta però adesso abbiamo un rapporto più stretto e questo mi fa un immenso piacere». 

FINESTRE DI QUALIFICAZIONE - Infine Ginobili ha trattato il tema delle finestre di qualificazione ai Mondiali del 2019 per cui, contrariamente a quanto fatto da molti giocatori, ha speso parole positive: «Credo che siano una grande opportunità per molti giovani che senza di esse magari faticherebbero a trovare spazio in nazionale. In questo modo hanno invece l'occasione di fare esperienza e giocare a certi livelli. Purtroppo alcuni giocatori di prima fascia non ci sono ma ci sono tanti giocatori che hanno una grande occasione per mettersi in mostra».

  


Tutte le notizie di Nazionali

Approfondimenti

Commenti