Tuttosport.com

Scopri l'edizione digitale su Tablet e Smartphone

NBA, i playoff di Love sono già terminati?

Il gm di Cleveland, David Griffin, teme che per il lungo non ci siano possibilità di rientro dopo l'infortunio alla spalla che richiede almeno quattro settimane di stop. LeBron James perde un alleatotwitta

mercoledì 29 aprile 2015

NEW YORK – La prima diagnosi era improntata all'ottimismo, visto che per Kevin Love si parlava di uno stop soltanto nel primo turno di playoff. La realtà sembra più difficile per il lungo dei Cleveland Cavs, che ha rimediato la lesione della spalla sinistra dopo il discusso contatto con Kelly Olynyk (Love ha accusato il canadese di essersi “allacciato” di proposito, Olynyk ha negato ma la NBA lo ha ugualmente sospeso per una gara), e l'infortunio prevede tempi lunghi. Per Love si parla di almeno quattro settimane, e se in sei settimane non avrà recuperato, sarà necessaria l'operazione, con tempi di recupero più lunghi. LeBron James perde così un prezioso alleato nel percorso verso la finale.

GRIFFIN – A rendere pubblico il pessimismo della franchigia è stato David Griffin, gm dei Cleveland Cavs. “E' molto improbabile che Love ritorni entro la fine della stagione, il danno alla spalla è molto esteso, non scartiamo nessuna opzione, ma saremmo sorpresi da una sua presenza in questi playoff”. Il dirigente non crede che per Love sia l'epilogo dell'esperienza a Cleveland, visto che in estate Love potrà uscire dal contratto, opzione che sembrava intenzionato ad esplorare: “Credo invece che Kevin abbia compreso la competitività di questa squadra in un futuro a breve termine”.

JAMES - Senza Love, i Cavs dovranno trovare il modo per essere competitivi, visto che nella serie contro Boston la presenza del californiano, oltre 18 punti e 9 rimbalzi nelle prime tre gare di playoff, aveva fatto la differenza: con lui Cleveland aveva tirato col 49% su azione e col 40% da tre, senza si è fermata al 37% e al 22%. “Non esiste un altro giocatore come Love, se è un giocatore speciale, ci sarà pure un motivo, tutti dovremo dare qualcosa in più” ha spiegato LeBron James.

Tutte le notizie di NBA

Approfondimenti

Commenti