Tuttosport.com

Scopri l'edizione digitale su Tablet e Smartphone

NBA, altri problemi per John Wall: stop di 12 mesi per la stella dei Wizards
© USA Today Sports
0

NBA, altri problemi per John Wall: stop di 12 mesi per la stella dei Wizards

Il playmaker di Washington rimarrà lontano dal parquet per un anno, tornerà di nuovo in sala operatoria per curare il tendine d'Achille

martedì 5 febbraio 2019

TORINO - John Wall dovrà sottoporsi ad un altro intervento chirurgico. Si allungano i tempi di recupero per il playmaker dei Washington Wizards. I problemi al piede sinistro conitnuano: dopo essere finito in sala operatoria lo scorso 8 gennaio, l'ex All-Star dovrà di nuovo tornare sotto i ferri. Il problema principale, però, è che si allungano i tempi di recupero: la previsione iniziale era di 6-8 mesi, ora sono 12. 

L'INFORTUNIO - L'ultima partita giocata in NBA da John Wall è quella contro i Detroit Pistons del 27 dicembre. Avendo avvertito dolore al tendine d'Achille, lo staff medico ha consigliato a John Wall di ascoltare il consulto di uno specialista, il quale ha optato per l'operazione. Questa, però, non è andata bene: Wall ha sviluppato un'infezione sull'incisione della ferita. Il tessuto lacerato è stato rimosso, ma durante la procedura di pulizia dell'infezione è stato diagnosticata la rottura del tendine d'Achille. Per questo motivo, John Wall tornerà in sala operatoria.

LE STATISTICHE - In stagione John Wall ha giocato 32 partite, tenendo una media di 20.7 punti a partita, 8.7 assist, 3.6 rimbalzi e 1.5 palle rubate. Per i Washington Wizards è una perdita pesantissima: la squadra della Capitale fatica a tenere il passo delle prime otto della Eastern Conference ed è difficile che riesca ad accedere ai playoff.

Nba Washington Wizards John Wall

Commenti

La Prima Pagina