Calcio

Renato Sanches è il Golden Boy 2016 di Tuttosport
© PEGASO NEWSPORT

Renato Sanches è il Golden Boy 2016 di Tuttosport

La strana storia del portoghese campione d'Europa: prima 25 palloni adesso 80 milioni! Il Bayern Monaco e l'acquisto da record del ragazzino che non si ferma mai. E che ha vinto anche il nostro premio: la cerimonia stasera a Montecarlo
 

twitta

lunedì 24 ottobre 2016

 Massimo Franchi

And the winner is... Renato Sanches! Questa sera nella fantasmagorica cornice del Fairmont Hotel di Montecarlo, lo stupefacente centrocampista diciannovenne del Bayern (fresco campione d’Europa con il Portogallo) verrà premiato con l’ambìto Golden Boy 2016 di Tuttosport, ovverosia il Pallone d’Oro per Under 21. L’ex Benfica ha superato nettamente due agguerriti rivali: l’inglese Rashford del Manchester United e il suo compagno di club Coman, franco-guadalupiano, ex Juve, già secondo l’anno scorso dietro al connazionale Martial. Renato ha sbaragliato la concorrenza. I giornalistici-giudici hanno premiato questo formidabile ragazzo che in pochi mesi a cavallo dell’estate, quando ancora non aveva compiuto 19 anni, ha prima conquistato il titolo portoghese col Benfica, poi ha firmato con il Bayern per 35 milioni di euro (più altri 45 di bonus) e infine ha contribuito a trascinare il Portogallo sul tetto d’Europa.

 

Giuria di alto prestigio
Come da tradizione, a votare per il Golden Boy è una giuria altamente qualificata composta da 30 giornalisti specializzati in calcio estero delle più prestigiose testate del Vecchio Continente: dai francesi de L’Équipe (ideatori della Coppa dei Campioni e del Campionato Europeo per Nazioni) e France Football (creatore del Pallone d’Oro) allo spagnolo Marca, dalla tedesca Bild all’inglese Times, dal portoghese A Bola all’olandese De Telegraaf (inventore della Supercoppa d’Europa), dal russo Sport-Express allo svedese Aftonbladet, dallo svizzero Blick al greco SportDay e via discorrendo. Insieme a loro anche le autorevoli preferenze dei Direttori dei tre quotidiani sportivi italiani: Tuttosport, Corriere dello Sport-Stadio e La Gazzetta dello Sport.

 

Moto perpetuo
Look impattante (pelle d’ebano e dreadlocks), trottola inarrestabile, Renato Junior Sanches è nato alla periferia nord di Lisbona. Nelle sue vene scorre puro sangue africano: l’adorata mamma Maria Auxiliadora das Dores è originaria di Capo Verde mentre il padre Renato senior, che ha ben presto abbandonato la famiglia per emigrare in Francia, proviene da San Tomé e Principe, altro ex possedimento d’oltremare portoghese. Ha cominciato la carriera nel piccolo club dilettantistico delle Águias di Musgueira poi nel 2006, a 9 anni, è passato nelle giovanili del Benfica con cui ha fatto tutta la trafila fino alla prima squadra. Fatto curiosissimo: il piccolo “O Bulo” - com’è stato soprannominato da suo nonno perché sin da piccolissimo ha sempre avuto l’argento vivo addosso - è stato acquistato dal Benfica per la somma di... 25 palloni da calcio professionali numero 5, quelli usati dalla prima squadra del Benfica nelle partite dell’ex Liga Sagres (adesso Liga Nos), la massima divisione portoghese. Insomma, da 25 palloni a 80 milioni di euro.

 

Meglio di... Ronaldo!
Renato Sanches s’ispira al pluridecorato (4 Champions conquistate) olandese Clarence Seedorf, ex Ajax, Real Madrid, Inter e Milan, e centrocampista tuttofare come lui anche se il suo nuovo allenatore Ancelotti lo ha paragonato a un altro celebre mediano rossonero: Gattuso. Il portoghese ha già frantumato ben 4 record di Cristiano Ronaldo: è il primo Golden Boy portoghese (CR7 si fermò al secondo posto nel 2004), è il più giovane portoghese a segnare al debutto in Nazionale, è il più giovane portoghese ad andare a bersaglio in una fase a eliminazione diretta di un Campionato Europeo ed è il più giovane portoghese a conquistare un grande alloro a livello di Nazionali A (appunto Euro 2016). Chapeau.

 

Per la famiglia
Raggiunto telefonicamente ieri sera, Renato ha così commentato il trionfo: «Sono raggiante, questo premio ha un valore mondiale. Ma resto coi piedi per terra, ho tanto da imparare soprattutto da compagni di reparto fantastici come Vidal, Xabi, Tiago e Kimmich. Dedico il Golden Boy alla mia famiglia. La Champions? Vincerà il Bayern, non c’è storia: è la squadra più forte del pianeta».

Tags: Golden BoyTuttosportmontecarloRenato SanchesComanBayern MonacoMendes

Tutte le notizie di Golden Boy

Approfondimenti

Commenti