Calcio

Dalla Spagna: «Caicedo tra gli indagati per la presunta combine in Levante-Saragozza»
© Getty Images

Dalla Spagna: «Caicedo tra gli indagati per la presunta combine in Levante-Saragozza»

Secondo il quotidiano spagnolo Marca l'attaccante della Lazio sarebbe tra i 41 indagati per l'ultima gara del campionato spagnolo 2010/11twitta

mercoledì 14 febbraio 2018

TORINO - Brutta notizia per Caicedo, attaccante della Lazio che secondo il quotidiano spagnolo 'Marca' sarebbe tra i 41 ndagati per un presunto caso di combine nell'ambito del maxiprocesso legato alla partita di Liga Levante-Saragozza della stagione 2010-2011. Il giornale iberico ricostruisce i fatti nei dettagli: il 21 maggio del 2011, nell'ultima di campionato si gioca la sfida tra Levante e Saragozza, con i padroni di casa già salvi e gli ospiti in lotta per non retrocedere. Finisce 2-1 per il Saragozza, che riesce a salvarsi, mentre a retrocedere è il Deportivo. La partita però, desta sospetti e finisce nel mirino degli inquirenti.

IL CASO - È due anni dopo comunque, che il caso torna a galla quando Javier Tebas viene eletto presidente della Liga. L'ipotesi degli inquirenti è che il Saragozza abbia pagato quasi un milione di euro al Levante per portare a casa i tre punti: soldi che poi sarebbero stati ridistribuiti a giocatori e dirigenti. Tra le prove, anche l'evidente diminuzione delle spese dei giocatori del Levante in quell'estate rispetto alla precedente. C'è chi passa da 649 mila a 6 mila euro e chi fa vacanze apparentemente a costo zero. Segnale evidente, secondo gli investigatori, che avessero contanti da spendere. Secondo l'accusa, sarebbero 9 i giocatori che avrebbero ricevuto denaro per combinare il match. Caicedo non compare nella lista di quei 9 giocatori, ma sarebbe nel registro degli indagati perché a conoscenza dei fatti. All'epoca dei fatti era al Levante in prestito dal City

LA TESTIMONIANZA DI GABI - Il caso era stato archiviato, ma secondo 'Marca', il 5 febbraio scorso sarebbe stato riaperto per via di elementi incriminatori molto pesanti. Testimonianza chiave anche quella di Gabi, capitano dell'Atletico Madrid, che all'epoca dei fatti giocava nel Saragozza e fu il protagonista del match firmando la doppietta decisiva. Nel 2015 Gabi ha fornito informazioni interessanti agli inquirenti e ha ammesso la consegna di buste piene di denaro al presidente del Levante Agapito Iglesias. Dal tribunale avrebbero chiesto due anni di carcere e 6 d'inibizione da qualiasi attività legata al calcio per gli indagati.

 

Tags: Serie ALigaLazio

Tutte le notizie di Calcio

Approfondimenti

Commenti