Tuttosport.com

Scopri l'edizione digitale su Tablet e Smartphone

Calcio, Roberto Muzzi: «Tabarez è stato come un secondo padre »
© Getty Images
0

Calcio, Roberto Muzzi: «Tabarez è stato come un secondo padre »

L'ex attaccante. «Ero giovane, mi insegnò tutto, per prima cosa il rispetto. Riuscì a trasmettere la sua serenità anche a Cellino...»

sabato 7 luglio 2018

ROMA - Roberto Muzzi, ex attaccante di Roma e Cagliari, ha parlato ai microfoni di "Italia nel Pallone" in onda su Radio 2. L'ex bomber ha raccontato della sua esperienza in Sardegna con Oscar Washington Tabarez, attuale Ct dell'Uruguay, che lo allenò nella stagione 1994-95: "Sono diventato giocatore con Tabarez, per me è un secondo papà. Non l’ho mai visto arrabbiarsi, è sempre stata una persona per bene. Ci sentiamo ancora, di tanto in tanto, ed è sempre un piacere per entrambi. Il rapporto con lui è sempre stato eccezionale, anche il presidente Cellino, col suo carattere sempre euforico e teso, quell’anno con lui era sereno, perché Tabarez trasmetteva a tutti serenità. Lui mi ha insegnato tanto, tutto: credere in me stesso, credere nei miei mezzi di calciatore, ma soprattutto il rispetto. Voleva da noi giocatori che fossimo d’esempio, che salutassimo tutti quelli che lavoravano al centro sportivo, noi per primi, dal giardiniere, i muratori, i magazzinieri. Ero giovane, guadagnavo già tanti soldi, ma con lui ho capito come dovevo comportarmi, e questo mi è rimasto dentro per sempre, anche quando ho smesso di giocare"

CON RONALDO SI VINCE - "Prenderlo è un affare, sono tanti soldi ma ti rientrano tutti. L’ho visto allenarsi, è un professionista indiscutibile; con 4 anni di contratto  arriverebbe a 37 ma con quel fisico e quella mentalità credo ci possa arrivare in forma. Lui ti fa vincere le partite, quindi credo che tutti lo accoglierebbero con entusiasmo. Chi non lo vorrebbe in squadra? Ben venga direi, alla fine quello che conta è il risultato, e con lui tutte le squadre possono vincere" continua l'ex attaccante.

LA ROMA DEVE VINCERE - "E' ora che la Roma vinca qualcosa, stadio o non. Stanno investendo tantissimo, nonostante abbiano perso un grande giocatore come Nainggolan. Ma stanno acquistando giocatori che possono cambiare l’identità di questa squadra". Sulla massima serie calcistica italiana: "Stiamo recuperando il terreno perso; era il più bello del mondo, poi dopo un calo ora sembra in crescita, i campioni vogliono venire a giocare dalle nostre parti" conclude Muzzi.

TUTTO SUL CALCIOMERCATO

 

Muzzi Cagliari Tabarez Cellino Serie A Ronaldo

Commenti

La Prima Pagina

Potrebbero interessarti