Calcio

Carlao si prende il Torino: «Ho rifiutato tutto per venire qui»
© EPA

Carlao si prende il Torino: «Ho rifiutato tutto per venire qui»

Il nuovo difensore granata:  «Avevo offerte da Grecia e Germania ma non potevo dire no a un club tanto glorioso, dove hanno giocato Junior e Casagrande»twitta

sabato 7 gennaio 2017

TORINO - Prime parole da granata per Carlao, 30enne nuovo difensore del Torino che è appena sbarcato all'ombra della Mole e attende solo l'ufficialità del suo passaggio dai ciprioti dell'Apoel Nicosia al club di Urbano Cairo«Essere per la prima volta in Italia è una grande soddisfazione, un'emozione grande. Ho giocato al Corinthians da giovane - racconta ai cronisti di 'tuttomercatoweb' che lo hanno intercettato - poi sei anni in Francia, in un campionato importante ma la Serie A è un'altra cosa: qui ci sono tante grandi squadre, il livello è alto. Perché il Torino? E' una squadra gloriosa, con grande tradizione e ci hanno giocato tanti brasiliani. Tutti ne conoscono la storia: dalla tragedia di Superga fino alle gesta dei miei copnnazionali Junior e Casagrande. I tifosi sono fantastici e la città è bellissima». Poi Carlao parla di se stesso: «Sono mancino, difensore centrale ma posso giocare anche da terzino sinistro. Ho fatto anche il mediano ma il mio ruolo 'tipo' è in mezzo alla difesa. Sono tecnico, mi hanno spesso dato in mano il gioco dal basso delle squadre e quel che ho fatto all'Apoel vorrei rifarlo chiaramente al Torino. Penso di essere un professionista, un giocatore serio. Mi piace lavorare, faticare, non ho problemi a farlo. I miei idoli? Mio padre e mia madre: le persone più importanti della mia vita».

Tutto sul calciomercato

Tags: RumorsTorinoCalciomercatoApoel Nicosia

Tutte le notizie di Calciomercato

Approfondimenti

Commenti