Tuttosport.com

Scopri l'edizione digitale su Tablet e Smartphone

Milan, la Curva Sud contro Raiola: «Limitare potere agenti»
© Giuseppe Celeste/Image Sport

Milan, la Curva Sud contro Raiola: «Limitare potere agenti»

Tifosi rossoneri durissimi  contro l'agente di Donnarumma, accusato di essere un "procuratore senza scrupoli"twitta

martedì 6 giugno 2017

MILANO - "Un mercante". I tifosi del Milan non usano mezzi termini per descrivere Mino Raiola. La Curva Sud, il settore dello stadio di San Siro storicamente assegnato ai suporter rossoneri, ha deciso di scrivere una lettera per manifestare il proprio malcontento rispetto alla gestione della trattativa del rinnovo di contratto di Donnarumma da parte dell'agente del portiere. La Curva ha usato parole dure nei confronti di Raiola, accusato di essere un "procuratore senza scrupoli" che "mira solo a intascare un sacco di soldi dalle future rivendita", e poi chiude: "A Gigio chiediamo di dimostrare il suo amore per il Milan".

Il Milan tiene d'occhio Belotti, se Cairo abbassa le pretese

LA LETTERA «Scriviamo queste righe, nostro malgrado, perché riteniamo folle la situazione venutasi a creare con il “caso Donnarumma”. Stiamo parlando di un fenomeno ma pur sempre di giovanissima età, che in mano ad un procuratore senza scrupoli, sta trovandosi in una situazione che sta innervosendo e non poco società e tifosi del Milan. E’ incredibile come un personaggio possa fare tutto questo tenendo in scacco la società Milan e in parte anche un ragazzo di 18 anni che passa dal baciare la maglia ogni domenica a essere oggetto di discussione, inevitabilmente, dato che sembra un battere cassa fine a se stesso, quello che sta avvenendo. La volontà del giocatore deve avere un peso, la volontà delle società anche, non è possibile che certi personaggi possano non avere scrupoli, e permettersi certi comportamenti, dato che lo scopo principale di questo mercante, è trovare l’accordo e inserire clausole a proprio favore, per cui come avvenuto con la Juventus e Pogba possa intascare un sacco di soldi su una futura rivendita. Parliamo tanto di un calcio italiano in grande crisi, e con un potere economico inferiore a quello di altre nazioni, ma se le regole consentono a certa gente di portare via soldi dal mondo del calcio per il proprio tornaconto personale, diventa impossibile sperare in una crescita. Si tratta di milioni di euro che escono dal circuito del calcio e che non ci rientreranno mai più. Ci sono società all’estero che con certi procuratori hanno chiuso, purtroppo al Milan qualcuno pensò bene di aprire le porte a certa gente e purtroppo oggi si vedono i frutti di quel tipo di gestione. Auspichiamo che la nuova società possa finalmente liberarsi di questi personaggi e ripartire in maniera virtuosa, senza subire ricatto alcuno. E speriamo vivamente nell’intervento della federazione, al fine di limitare il potere in mano ai procuratori, perché tutte le componenti del calcio siano sotto una regolamentazione che abbia come scopo finale la crescita del nostro movimento e non delle tasche di chi gestisce i rapporti tra giocatori e società. A Gigio chiediamo di dimostrare ancora una volta carattere e amore per il Milan, ma con fatti concreti, perché purtroppo l’amore non si alimenta solo con i baci ma anche con grandi gesti».

Tags: MilanCurva SudRaiolaDonnarummaCalciomercato

Tutte le notizie di Calciomercato

Approfondimenti

Commenti