Tuttosport.com

Scopri l'edizione digitale su Tablet e Smartphone

Calciomercato Juventus, Sturaro è la chiave per arrivare a Gayà
© EPA

Calciomercato Juventus, Sturaro è la chiave per arrivare a Gayà

Marcelino, tecnico del Valencia, ha chiesto l'azzurro già per gennaio, ma Allegri non vorrebbe privarsenetwitta

domenica 10 dicembre 2017

di Filippo Cornacchia

TORINO - Il Valencia rivelazione della Liga insiste per Stefano Sturaro: il tecnico Marcelino considera l’ex genoano un jolly prezioso e lo vorrebbe portare in Spagna già il prossimo mese. C’è stato un primo sondaggio, ma stando a quanto filtra da fonti iberiche ne seguiranno altri nei prossimi giorni. I dirigenti bianconeri e Massimiliano Allegri non vorrebbero privarsi dell’azzurro, uomo importante nello spogliatoio, prezioso nelle rotazioni e utilizzabile in più ruoli (centrocampista e terzino).

AFFARI IN VISTA - Il Valencia, abituato a far spesa in Italia e in particolare a “casa Juve”, dopo Simone Zaza e Neto vuole sfruttare i buoni rapporti con Beppe Marotta e Fabio Paratici per regalare Sturaro a Marcelino. Il finale della vicenda non è scontato, ma di sicuro Valencia e Juventus non si limiteranno a parlare del 24enne di Sanremo. Se gli spagnoli corteggiano Sturaro (ci sono anche Southampton, Newcastle e mezza serie A), ai bianconeri non dispiacciono alcuni dei talenti sbocciati in questa stagione. In cima alla lista c’è Josè Gayà, 22enne terzino sinistro. In Spagna considerano il laterale del Valencia e dell’Under 21 l’erede di Jordi Alba del Barcellona. Questione di provenienza (pure il compagno di Messi è esploso nel Valencia), fisico (170 e 172 cm), rapidità, tecnica e abilità nel proporsi in avanti. Il marchio valenciano è una garanzia per quanto riguarda i terzini mancini: oltre a Jordi Alba e José Gayà, nella “Ciudad deportiva Paterna” si è formato anche Juan Bernat del Bayern Monaco.

Leggi l'articolo completo sull'edizione odierna di Tuttosport

Tags: Calciomercato JuventusValencia

Tutte le notizie di Calciomercato

Approfondimenti

Commenti