Tuttosport.com

Scopri l'edizione digitale su Tablet e Smartphone

Madrid resta nel mirino della Juventus
Diego Godìn (Atletico Madrid)© EFE
0

Madrid resta nel mirino della Juventus

Dopo aver strappato CR7 al Real, si guarda all’Atletico per la difesa: continua il corteggiamento a Godin, Savic alternativa 

sabato 14 luglio 2018

TORINO - Madrid resta cerchiata in rosso sulla mappa del mercato juventino, e non perché Cristiano Ronaldo è tornato lì dalle vacanze greche, in attesa di ripartire per Torino. Se gli occhi di Marotta e Paratici restano puntati sulla Spagna è perché nella capitale giocano altri obiettivi bianconeri, a cominciare dalla prima scelta per quanto riguarda il pacchetto dei difensori centrali: Diego Godin. L’arrivo di Mattia Caldara (a pagina 13 potete leggere le sue prime parole da juventino) in teoria completa il settore, ma è ormai nota la volontà del Chelsea di regalare a Maurizio Sarri il suo vecchio (si fa per dire visti i 23 anni) pupillo Daniele Rugani. E ora che il tecnico ha firmato con i Blues l’offerta arriverà e pure importante, attorno ai 40 milioni. Così come potrebbe arrivare quella da 20 abbondanti del Marsiglia per Medhi Benatia, anche se la cessione del marocchino sembra meno probabile rispetto a qualche settimana fa.

L'OBIETTIVO - Già da tempo, dunque, la Juventus ha messo gli occhi sul capitano dell’Atletico e dell’Uruguay: fortissimo di testa, abile anche in impostazione e con personalità da vendere, a 32 anni non è giovane ma resta saldamente tra i migliori centrali del mondo, come ha appena mostrato con la Nazionale in Russia. Con il club madrileno non ci sarebbe bisogno di trattare visto che il suo contratto, in scadenza tra un anno, ha una clausola rescissoria da 20 milioni. Tutto dipende quindi dallo stesso Godin: il corteggiamento bianconero lo spingerà a lasciare l’Atletico dopo otto anni oppure accetterà la proposta di rinnovo biancorossa? Il fatto che una settimana dopo l’eliminazione dell’Uruguay dal Mondiale non abbia ancora sciolto le riserve sul futuro indica che la tentazione juventina lo sta facendo riflettere.

ALTERNATIVA - Se alla fine Godin seguisse l’esempio del suo grande amico Antoine Griezmann e decidesse di restare agli ordini di Simeone, Marotta e Paratici non sposterebbero il mirino più di tanto: la prima alternativa è infatti il suo compagno di squadra Stefan Savic. Un anno in più di contratto, il ventisettenne montenegrino costerebbe più o meno la stessa cifra. Molto più caro, invece, Matthijs De Ligt. Il diciottenne talento dell’Ajax è stato in testa alla lista degli obiettivi bianconeri per il centro della difesa (e in quella lista il suo nome rimane comunque), ma i 50 milioni chiesti dal club di Amsterdam rappresentano un esborso problematico dopo l’affare Cristiano Ronaldo.

Leggi l'articolo completo su Tuttosport in edicola

Commenti

La Prima Pagina

Potrebbero interessarti