Tuttosport.com

Scopri l'edizione digitale su Tablet e Smartphone

Chelsea-Sarri, firma e Higuain
© LaPresse
0

Chelsea-Sarri, firma e Higuain

Tutto fatto per il tecnico, che dal Napoli si porta dietro Jorginho. Ora il club inglese prepara l'offerta da 100 milioni per il Pipita e Rugani

di Giovanni Armanini sabato 14 luglio 2018

Alla fine è arrivato anche il comunicato. Antonio Conte non è più l'allenatore del Chelsea, che lo ha liquidato ricordandone i successi ma senza una parola di ringraziamento. Alla faccia della programmazione e del mito ormai sbiadito del manager all'inglese: Conte è il sesto allenatore campione d'Inghilterra in otto anni che salta dopo una sola stagione dal titolo.


Maurizio Sarri diventerà il nono allenatore dell'era Abramovich, iniziata nel 2003. Da allora nove esoneri, solo 2 tecnici arrivati a fine contratto (Hiddink due volte e Benitez), una serie di amori, su tutti quello con Mourinho, e ritorni di fiamma, come appunto quello per il portoghese, esonerato due volte. In quindici anni ben 13 cambi: un russo molto italiano. Maurizio Sarri sarà anche il 13° italiano ad allenare in Premier League, un campionato in cui fino a due anni fa la si faceva da padroni (con Guidolin, Ranieri, Conte e Mazzarri) e in cui i tecnici italiani sono i più vincenti (Ancelotti, Mancini, Ranieri e Conte hanno trionfato, nessun altro paese è vincente come il nostro). Nel paese e nella finanza è già stato ribattezzato "The banker", il bancario, mentre i tifosi si sono divisi: il 60%, facendo una media tra vari sondaggi online, non avrebbe cacciato Conte.


ENTRATE E USCITE - Ora è tempo di spendere: il Chelsea è tra i top club l’unico che ancora non si è mosso. Solitamente è protagonista nel mercato tra prestiti e cessioni definitive di pedine usate come scambi sul mercato europeo: quest’anno a fronte di 9 fine prestiti di rientro ci sono solo 4 giocatori piazzati. Lo scorso anno ne scambiò ben 25. Abramovich ha imposto una austerity rigorosa ai suoi uomini mercato. Ecco perchè ci sono già accordi presi per acquisti possibili ma bisognerà nel frattempo piazzare altri giocatori. Esempi? Higuain (60 milioni il prezzo concordato con la Juve) si muoverà se partirà Morata. Rugani (il cui prezzo potrebbe essere anche superiore ai 40 milioni di euro, fino a 44) ha come contropartita la partenza di David Luiz (c’è sempre il Napoli su di lui). Solo Jorginho sembra un innesto a sé stante, perchè legato all’arrivo di Sarri. Ma ci saranno da piazzare almeno uno tra Drinkwater e Kanté (si aspetta il Psg). I soli ad avere mercato sono Hazard, Courtois e Willian: i due belgi sono da tempo nel mirino del Real, ma sull’attaccante si è inserito anche il Barcellona, impegnato in una sfida col Manchester United per l’esterno brasiliano. Dopo anni da big spender, il russo ha deciso che il Chelsea dovrà continuare ad automantenersi. E questo potrebbe rallentare le operazioni, anche perchè fin qui il Chelsea non ha di fatto un direttore sportivo e nel board non c’è gente di calcio con conoscenze e competenze decisionali.

Calciomercato Juventus napoli Sarri Jorginho Higuain Rugani

Commenti

La Prima Pagina

Potrebbero interessarti