Tuttosport.com

Scopri l'edizione digitale su Tablet e Smartphone

Izzo, l'anti CR7: «Io uno da Toro. Ronaldo? Ci vediamo al derby»
© LAPRESSE
0

Izzo, l'anti CR7: «Io uno da Toro. Ronaldo? Ci vediamo al derby»

Al suo arrivo all'aeroporto di Caselle molti lo scambiarono per il portoghese: «Ma quando mi sono tolto il cappello sono scappati tutti»

venerdì 20 luglio 2018

TORINO - Quando è arrivato all'aeroporto di Caselle la trattativa tra la Juventus e Cristiano Ronaldo era ancora calda e in molti lo hanno scambiato per CR7. Un paragone importante per Armando Izzo, che dovrà affrontare l'attaccante portoghese nel derby. E magari pure marcarlo. «Io assomiglio a Ronaldo? Quando mi sono tolto il cappello sono scappati tutti...», scherza il 26enne difensore napoletano che poi torna serio: «Con CR7 in campo - dice - sarà una stracittadina ancora più bella...».

Prelevato dal Genoa con un investimento importante da parte del club granata, 10 milioni di euro, Izzo si presenta ai microfoni di Torino Channel nel ritiro di Bormio, in provincia di Sondrio. «Cairo ha detto che sono uno da Toro? Questa definizione rispecchia il mio modo di stare in campo - sottolinea -, la mia voglia di non mollare mai, lo spirito da guerriero. Voglio ripagare la fiducia del presidente, perché so che ha fatto un sacrificio per portarmi qui. Voglio dare il massimo per me, per i tifosi e per le persone che mi stanno vicino». Izzo ritrova Mazzarri, l'allenatore che ai tempi del Napoli lo portò dalla Primavera alla prima squadra e che gli regalò un paio di scarpe per allenarsi perché lui, originario di Scampia, non aveva i soldi. «Quando l'ho conosciuto ero un bambino, ora lo ritrovo da uomo - conclude - Spero di aiutarlo con i miei compagni, con la sua voglia ci trasmette una grande carica».

Torino Juventus derby

Commenti

La Prima Pagina

Potrebbero interessarti