Tuttosport.com

Scopri l'edizione digitale su Tablet e Smartphone

Niang verso il Nizza, El Shaarawy-Zaza: avanti Torino
© www.imagephotoagency.it
0

Niang verso il Nizza, El Shaarawy-Zaza: avanti Torino

L'affare può sbloccare il mercato in attacco con l'ex juventino e il romanista nel mirino

di Camillo Forte giovedì 26 luglio 2018

TORINO - La chiave è Balotelli che sta per raggiungere Marsiglia. Perché, successivanente, il club della Costa Azzurra si butterà su Niang e il Toro, nonostante le smentite di rito che in questo caso sono fisiologiche, punterà un altro grande attaccante da affiancare a Belotti. Un bomber tira l’altro. Ma procediamo con ordine e partiamo da Supermario. Dopo due ottime stagioni al Nizza il suo futuro sarà altrove, nonostante un contratto in vigore per un’altra stagione. In Italia ci hanno pensato diverse società, pure Roma e Napoli, ma gli interessamenti più decisi sono arrivati dall’estero. Perché il cartellino di Balotelli è (o almeno sembrava) accessibile, visto l’accordo sulla parola fra il suo entourage e la dirigenza del Nizza, con il giocatore che poteva liberarsi per una cifra inferiore ai 10 milioni di euro. Nei giorni scorsi si è mosso con determinazione l’Olympique Marsiglia, club che ha già un accordo verbale con l’azzurro. Nelle ultime ore, però, i rivieraschi hanno alzato le pretese frenando un trasferimento che sembrava già fatto. Ma che comunque si farà. Balotelli si sta allenando con il Nizza però nelle prossime ore potrebbe raggiungere Marsiglia. 

ECCOCI A NIANG - Il Nizza ha messo Niang al primo posto nella lista preferenziale come sostituto di Balotelli. E il giocatore ha fatto sapere sia al Toro sia ai rivieraschi di gradire, non poco, l’eventuale nuova destinazione. Sa bene che con il nuovo modulo di Mazzarri (3-5-2) le possibilità di giocare sono poche rispetto a quelle di un anno fa quando raggiunse Torino con l’etichetta di salvatore della patria, l’uomo che avrebbe dovuto fare la differenza e portare la squadra in Europa. E lui stesso, subito dopo il mondiale, in un’intervista fece capire di gradire la Francia. «So che ci sono delle trattative, vedremo. Ho lasciato la Ligue 1 da giovane e adesso, con l’esperienza che ho fatto, potrei dare molto di più». Inutile nasconderlo: sono frasi che anticipano un addio. Nizza e Toro, per la cronaca, si affronteranno sabato sera ad Alessandria per un’importante amichevole internazionale e avranno tutto il tempo per discutere dell’affare. Pare che sia già stata confezionata l’offerta. Radio mercato parla di 15 milioni ma ci sembrano eccessivi: se così fosse Niang sarebbe già un giocatore del Nizza. Però la trattativa c’è, eccome.

GLI ATTACCANTI DIETRO L’ANGOLO - Nel momento in cui Niang libererà il posto e i granata avranno intascato milioni importanti, partirà la caccia ad un altro attaccante di spessore da affiancare a Belotti. Due i nomi, già anticipati: Simone Zaza e Stephan El Shaarawy. Sul primo ci sono già stati contatti in tempi non sospetti. I granata gli hanno chiesto di aspettare e lui spera in una chiamata. Intanto si sta allenando con il Valencia che non lo considera più titolare. Pareva dovesse entrare nei piani del Milan ma, a quanto pare, i rossoneri hanno altri obiettivi. Quindi il Toro, almeno sulla carta e almeno al momento, non ha rivali. Certo che Zaza e Belotti, assieme, garantirebbero gol (tanti), spettacolo e potenziale goduria per la gente. Né meno suggestiva suona la candidatura di El Shaarawy, sul conto del quale l’altro ieri Cairo non ha nascosto l’apprezzamento, pur continuando con il refrain dell’attacco intasato e, quindi, non in condizione di ricevere adesso nuovi innesti. Ma Niang, intanto, libererebbe un posto, pesante; e parecchie risorse economiche. I rapporti fra Torino e Roma, peraltro, sono ottimi, col club giallorosso ancora dispiaciuto per l’infausto esito della trattativa, anzi dell’accordo, per Bruno Peres. E in ballo c’è poi sempre Juan Jesus

Niang El Shaarawy Zaza

Commenti

Potrebbero interessarti

La Prima Pagina