Tuttosport.com

Scopri l'edizione digitale su Tablet e Smartphone

Bonucci, che taglio sull'ingaggio: da 8 milioni a 5.5 a stagione
© Marco Canoniero
0

Bonucci, che taglio sull'ingaggio: da 8 milioni a 5.5 a stagione

L’accordo con la Juve prevede il ritorno al vecchio stipendio. Se l'operazione andasse in porto il difensore può recuperare i soldi con i bonus

di Sandro Bocchio mercoledì 1 agosto 2018

TORINO - Uno dei momenti più critici, un passaggio che ha fatto saltare più di una trattativa, arriva alla definizione della voce “ingaggio”. Le proposte del club e le richieste del giocatore raramente colliman. Se non si arriva a un punto d’accordo, cari saluti e arrivederci. Leonardo Bonucci ha preferito far subito capire quanto fosse determinato a ritornare a quella che era stata la sua casa madre per sei scudetti consecutivi. Così il taglio all’ingaggio è stato la sua maniera di cospargersi il capo di cenere e di chiedere che gli venisse riaperta la porta bianconera. Sempre che la posizione di Gonzalo Higuain non faccia saltare all’ultimo un’operazione che sembrava ormai definita in ogni suo singolo particolare.

SFORBICIATA - In sostanza. Il centrale difensivo al Milan la scorsa estate aveva firmato un contratto di 5 anni, con ingaggio di 8 milioni a stagione più i bonus per arrivare a 10. Nella Juventus, invece, lo stipendio sarà di 5 milioni e mezzo all’anno, con un taglio di 2 milioni e mezzo. Un passo indietro comunque ragionato perché, facendo un paragone tra i successi bianconeri e le mancate vittorie rossonere, la voce premi e/o bonus avrà un peso importante. Un peso che aumenterà ancor più con l’arrivo di Cristiano Ronaldo: non la certezza ma, comunque, la garanzia che la Juventus potrà percorrere un cammino importante in Champions, con tutte le conseguenze per gli emolumenti dei singoli.

VOGLIA DI RIPARTIRE - Detto questo, la scelta di Bonucci è comunque da rispettare: sottolinea il desiderio di riprendere un cammino interrotto per decisione personale. E quella della riduzione dello stipendio è una decisione che indica quanto il difensore abbia voglia di riprendere un discorso che si era interrotto senza però tagliare tutti i legami con Torino. Un desiderio che la Juventus ha fatto proprio e sul quale Massimiliano Allegri (con cui c’erano state le incomprensioni che avevano spinto all’addio) non ha posto veti di sorta. A Bonucci resterà soltanto un ultimo ostacolo da superare: quei tifosi che non gli perdonano il tradimento del 2017.

Juventus Milan Calciomercato

Commenti

Potrebbero interessarti

La Prima Pagina