Tuttosport.com

Scopri l'edizione digitale su Tablet e Smartphone

Juventus, Rugani ha detto no a 20 milioni per restare
© Juventus FC via Getty Images
0

Juventus, Rugani ha detto no a 20 milioni per restare

Il difensore si è sempre opposto alla cessione al Chelsea ed è più pronto di Caldara nell'immediato

dal nostro inviato Fabio Riva sabato 4 agosto 2018

WASHINGTON D.C. (Stati Uniti) - Premio alla tenacia: «And the winner is, Daniele Rugani». Tutto può ancora succedere, per carità - tanto più che Maurizio Sarri e il Chelsea non danno segni di resa definitiva - ma resta il fatto che sino ad ora l’ex centrale dell’Empoli, che aveva voglia zero di lasciare la Juventus, tanto ha fatto e tanto s’è sbattuto nei giorni di allenamenti a stelle e strisce da convincere Massimiliano Allegri, in primis, e la società bianconera tutta, di conseguenza, del fatto che non era poi così saggio rinunciare a lui. Meglio, piuttosto, un ciaone a Mattia Caldara: praticamente arrivato ieri con decorrenza domani, eppure già un ex...

IL DUELLO - Giusto ciò che è trapelato: lo stesso Caldara, sapendo del ritorno di Leonardo Bonucci, ha capito che non tirava aria da titolarità manco per sbaglio in questa stagione - e pure nella prossima, a ben pensarci - e ha chiesto di essere ceduto. Tuttavia, di contro, è anche vero che una incidenza importante l’ha avuta la situazione di Rugani: determinato appunto a difendere posto e gerarchie. Impossibile ignorare, per comprendere bene la situazione, ciò che proprio Massimiliano Allegri ha affermato a posteriori, a contratti della maxi operazione appena firmati con il Milan o la Juventus da parte di Caldara, Bonucci e Gonzalo Higuain, spiegando l’avvicendamento in difesa. «Frasi emblematiche tipo «probabilmente per Caldara è meglio così», «avrebbe dovuto fare un percorso di crescita che invece Rugani ha già fatto».

Leggi l'articolo completo sull’edizione digitale

Rugani Calciomercato Juventus chelsea Sarri

Commenti

Potrebbero interessarti

La Prima Pagina