Tuttosport.com

Scopri l'edizione digitale su Tablet e Smartphone

Juventus-Real Madrid, Dybala resta a guardare: ora lo scudetto per risalire
© AFPS

Juventus-Real Madrid, Dybala resta a guardare: ora lo scudetto per risalire

Un anno fa la doppietta al Barça, adesso il rosso: solo con un gran finale va in Russiatwitta

mercoledì 4 aprile 2018

di Filippo Cornacchia

TORINO - Un anno fa di questi tempi, e sempre in questo stadio, la doppietta mondiale in faccia a Leo Messi con tutto il pubblico in piedi a osannarlo. Stavolta Paulo Dybala ha vissuto una serata opposta. L’argentino ha lasciato il campo in anticipo: non per un tributo, ma a causa di un brutto fallo che gli è costato l’espulsione e l’uscita scuotendo la testa in segno di disappunto. La doppietta da fenomeno e la standing ovation l’ha vissuta da spettatore, il numero dieci juventino. Come a Cardiff, nell’ultima finale di Champions, Cristiano Ronaldo gli ha sventolato davanti agli occhi il manuale del fuoriclasse quasi illegale per i comuni mortali. Appunti che ieri notte, a caldo, saranno dolorosissimi come un pugno nello stomaco. Ma a freddo, e con lucidità, sono lezioni che Dybala potrà ripassare per completare il proprio percorso di crescita. Dybala non sarà mai un clone di CR7, però il fuoriclasse portoghese – ancora più di Messi – è il migliore esempio possibile del campione che si mette perennemente in discussione e alza continuamente l’asticella per confermarsi al top e restare il numero uno assieme a Messi. Ronaldo ha ricevuto tantissimo da madre natura, ma se tutti gli allenatori che lo hanno avuto – da Ferguson a Ancelotti e Zidane – ne sottolineano l’ambizione positiva che tuttora lo spinge ad aprire i cancelli di Valdebebas, centro sportivo del Real Madrid, assieme agli steward e ad andarsene per ultimo un motivo ci sarà. Dybala può solo imparare da Cristiano, un mostro che vive per il calcio e per il calcio fa grandi sacrifici. Il tempo e la qualità giocano a favore di Paulo. Si chiude una brutta Champions, per la Joya, con appena un gol all’attivo (quello di Wembley), però la carriera e la sua vita alla Juventus e solo all’inizio.

Leggi l'articolo completo sull'edizione odierna di Tuttosport

Cristiano Ronaldo, il gol in rovesciata che abbatte la Juventus

Tags: Juventus-Real Madrid

Tutte le notizie di Champions League

Approfondimenti

Commenti