Tuttosport.com

Scopri l'edizione digitale su Tablet e Smartphone

Champions League, Bayern Monaco-Real Madrid 1-2: Marcelo e Asensio rimontano Kimmich
© Bongarts/Getty Images

Champions League, Bayern Monaco-Real Madrid 1-2: Marcelo e Asensio rimontano Kimmich

Nell'andata della semifinale in vantaggio i bavaresi padroni di casa con il terzino, poi il brasiliano e lo spagnolo ribaltano tuttotwitta

mercoledì 25 aprile 2018

MONACO DI BAVIERA - Se arriva la vittoria anche quando Cristiano Ronaldo resta a secco è lecito sognare un sensazionale tris in casa Real Madrid. I due volti campioni d'Europa e campioni del mondo in carica sono riusciti infatti ad espugnare in rimonta l'Allianz Arena di Monaco di Baviera, battendo 2-1 il Bayern Monaco nelkl'andata della seconda semifinale (dopo il 5-2 di Liverpool-Roma) e dimostrando ancora una volta - se ce ne fosse stato bisogno - di essere la favorita numero uno per alzare di nuovo la Champions League.

Bayern Monaco-Real Madrid 1-2: numeri e statistiche del match

IL PRIMO TEMPO - Heynckes sceglie un 4-1-4-1 a trazione anteriore: le stelle Robben, Müller, James Rodriguez, Ribery e Lewandowski in campo tutte insieme con il solo Martinez a fare da diga davanti alla difesa. Zidane sembra rispondere con una iniziale prudenza:  due punte Benzema e Bale partono in panchina e a fare da scudieri a Cristiano Ronaldo in un 4-3-3 atipico sono Lucas Vazquez e Isco. I piani tattici dei bavaresi cambiano però dopo 8', peché Robben si fa male ed è costretto a lasciare il posto a Thiago Alcantara, decisamente più centrocampista rispetto all'ala olandese. Il Real cresce con il passare dei minuti ma a passare al 28' è il Bayern in ripartenza: a finalizzare il contropiede è il terzino Kimmich, che da posizione defilata sulla destra sceglie il tiro invece di crossare beffando così un colpevole Keylor Navas sul suo palo. Al 34' Heycnkes perde per infortunio anche il difensore Boateng, sostituito da Süle, ma i campioni di Germania insistono e sfiorano il bis con Hummels sugli sviluppi di un corner. È il Real ora a soffrire ma a riportarlo a galla ci pensa Marcelo, che al 44' calcia di prima col sinistro dal limite dell'area una palla vagante e la spedisce all'angolino dove Ulreich non può arrivare.

Liverpool-Roma 5-2: il tabellino della prima semifinale di andata

LA RIPRESA - Si va così al riposo sull'1-1 e al rientro in campo non c'è più Isco, rilevato da Asensio. Nelle prime fasi della ripresa sono i padroni di casa a spingere per cercare un nuovo vantaggio, con Ribery che semina il panico nell'area spagnola al 51' senza però poi riuscire a servire Lewandowski. I tedeschi si scoprono però troppo e vengono puniti al 57', quando Rafinha regala palla ad Asensio che va via due contro uno e dopo lo scambio con Lucas Vazquez sigla il raddoppio a tu per tu col portiere. La reazione dei bavaresi è immediata ma stavolta Navas è bravo a chiudere lo specchio a Ribery. Al 67' secondo cambio nel Real: fuori l'acciaccato terzino Carvajal e dentro l'attaccante Benzema per sfruttare ancora di più gli ampi spazi lasciati dai bavaresi. È proprio in contropiede infatti che segna Cristiano Ronaldo al 71', ma il suo gol viene annullato per un tocco con il braccio al momento dello stop mentre cinque minuti più tardi è Ulreich a fermare Benzema. Nel frattempo per il Bayern è entrato anche Tolisso (fuori il mediano Martinez) ma l'assalto finale dei tedeschi non porta frutti: finisce 2-1 per il Real che aspetta ora i bavaresi nel secondo round al Bernabeu ma vede così un po' più da vicino Kiev e quella che sarebbe la terza finale consecutiva.

Champions League, Bayern Monaco-Real Madrid 1-2: il primo round va a Zidane

 

Tags: Champions LeagueBayern MonacoReal Madrid

Tutte le notizie di Champions League

Approfondimenti

Commenti