Tuttosport.com

Scopri l'edizione digitale su Tablet e Smartphone

Uefa, indagine su Pallotta. La replica: «Sono loro inappropriati»
© www.imagephotoagency.it
0

Uefa, indagine su Pallotta. La replica: «Sono loro inappropriati»

L'americano aveva chiesto a gran voce l'utilizzo del Var anche in Champions League

venerdì 4 maggio 2018

ROMA - «Condotta inappropriata». È questa l'accusa che l'Uefa muove a James Pallotta, protagonista al termine della gara col Liverpool di un duro sfogo con cui ha chiesto l'introduzione della Var dopo essersi lamentato per le decisioni arbitrali avvenute nella semifinale di ritorno di Champions League all'Olimpico. La Commissione disciplinare, etica e di controllo dell'Uefa ha aperto un procedimento nei confronti del presidente della Roma che sarà trattato nel corso della riunione in programma il prossimo 31 maggio. 

A fine maggio oltre a Pallotta verrà valutata dalla Commissione disciplinare dell'Uefa anche la società giallorossa chiamata a rispondere di accensione di fumogeni (stessa accusa mossa anche al Liverpool), organizzazione insufficiente e scale bloccate.

REPLICA - E non tarda ad arrivare la replica del presidente della Roma: «Sono sorpreso dall'apertura di questo procedimento disciplinare. Per me è la condotta Uefa ad essere inappropriata». James Pallotta risponde così all'ANSA alla decisione dell'Uefa di deferirlo. Pallotta è anche scettico riguardo al procedimento contro la Roma per organizzazione insufficiente: «Cosa ne penso? Sto morendo dalle risate. Autorità, Coni e Roma hanno garantito una professionalità che non ho mai visto in nessun evento sportivo. Non potremmo essere più orgogliosi dei nostri fan e della città».

 

Roma Pallotta Uefa

Commenti

La Prima Pagina

Potrebbero interessarti