MONDIALI 2018

Maradona: «Messi non c'entra. Argentina, cronaca di una morte annunciata»
© AFPS
0

Maradona: «Messi non c'entra. Argentina, cronaca di una morte annunciata»

Il Pibe de Oro: «Non siamo andati al tribunale per celebrare un processo, ma al cinema a vedere un film di cui sapevamo già la fine»

domenica 1 luglio 2018

TORINO - "Non siamo andati al tribunale per celebrare un processo, ma al cinema a vedere un film di cui sapevamo già la fine: l'eliminazione dell'Argentina dal Mondiale è stata la cronaca di una morte annunciata". È il verdetto di Diego Armando Maradona, che nella notte nella sua trasmissione 'La mano del Diez' su Telesur ha ammesso "di sentirsi male perché ancora una volta usciamo dal Mondiale così, male, senza avere un gioco".

FINALE SCONTATO - "Che saremmo andati incontro a questa fine - le parole di Maradona - si era capito da quando era stato annunciato che avrebbero giocato Pavon-Messi-Di Maria: nessuno di loro è una punta, abbiamo fatto il gioco della Francia, spalancato gli spazi alla velocità di Mbappè". "Messi? Leo è molto solo, troppo lontano dalla porta - dice Maradona, assolvendo il 10 della nazionale - Io dico: se gli chiediamo di fare il 9, poi vedi che deve andare a prendersi la palla, deve costruirlo, deve fare assist, mi pare che stiamo parlando di un'illusione, non di Messi".



L'ACCUSA - Maradona ha lanciato un atto di accusa al calcio argentino, allo scarso livello del campionato, alla mancanza "del fuoco sacro di chi veste la maglia della nazionale". E ha condannato senza appello l'impostazione di Sampaoli. "Non sappiamo come attaccare, non sappiamo cosa fare: basta vedere il confronto con la Francia, piena di alternative di gioco". Ora, Maradona guarda all'Uruguay. "Bravo Tabarez, bravo maestro: l'Uruguay merita di stare dove e' ora, spero vada avanti".

Commenti

La Prima Pagina

Potrebbero interessarti