MONDIALI 2018

0

Mondiali 2018, Polonia-Senegal 1-2: autogol di Cionek, poi Niang

Inutile il gol di Krychowiak allo scadere: vincono gli africani di Cisse. Negativa la prova degli "italiani" da Szczesny a Milik. Sorride Koulibaly

 Cristiano Sala martedì 19 giugno 2018

MOSCA (RUSSIA) - Pessimo esordio per Szczesny e compagni. Vince il Senegal 2-1 alla Spartak Arena dopo un dominio pressocché totale contro gli uomini di Nawalka. Il portiere della Juventus è stato protagonista in negativo in occasione del 2-0, proprio il gol di Niang. Il derby della Mole Mondiale lo vince dunque il granata. 

La cronaca di Polonia-Senegal minuto dopo minuto

Szczesny (Juventus), Milik (Napoli), Zielinski (Napoli), Kownacki, Bereszynski e Linetty (Sampdoria) e Cionek (Spal). E poi Koulibaly (Napoli), Niang (Torino) e Gomis (Spal). Senza dimenticare Blaszczykowski (ex Fiorentina) , Glik (ex Torino) e Keita (ex Lazio). Italia-Svezia è stato solo un incubo. Gli scandinavi sono a casa a sentirsi gli Abba e noi qui a Mosca a insegnare a tutti come si canta the original “poo poroppo po po”. Qui, al Mondiale di Russia.

La Colombia di Cuadrado sconfitta dal Giappone

Ed invece gli “italiani” oggi in campo hanno (e hanno avuto) solo un contratto di lavoro in Italia. Niente di più, niente maglia azzurra. Polonia e Senegal hanno conquistato meritatamente questo esordio alla Spartak Arena che ha ospitato la seconda partita della manifestazione, dopo Argentina-Islanda. Noi siamo qui ad osservare e, che eresia, a imparare qualcosa dagli altri

Lo stadio è a netta maggioranza polacca. Sugli spalti, se dovessimo fare un sondaggio su Instagram, è per l’80% biancorosso. Il 20% che resta ci crede. Il Senegal di Koulibaly (in tribuna suo figlio con la maglia del Napoli e davanti alla tv c’è il suo nuovo allenatore Ancelotti)  si affida a Niang in attacco, a sfiorarsi con l’opposto Milik. Un altro che, con Zielinski, sa di dover fare benissimo per Carletto Re di Napoli. 

4-4-1-1 Polonia. 4-4-1-1 Senegal. Nawalka e Cisse scelgono la stessa arma per questo secondo duello del Girone H. Niang è il primo a provarci, facilissimo l’intervento di Szczesny al 7’. Derby di Torino a parte, l’attaccante è tirato a lucido. Come il riflesso del campo, bagnato da una leggera pioggia prima della partita.

Niang, sì Niang, è il più pericoloso del Senegal. Al 19’ si inserisce dalla parte di Blaszczykowski e Piszczek ma il sinistro è sballato. Dall’altra parte Milik soffre più di Lewandowski la pressione del centrocampo di Cisse. E proprio lì Piszczek si perde Mané che serve Gueye: tiro che Szczesny avrebbe preso se Cionek non avesse deviato malamente verso la porta al 37’. 

Cosa è successo nel secondo tempo:

Commenti

La Prima Pagina

Potrebbero interessarti