MONDIALI 2018

Giappone-Senegal 2-2: Inui replica a Mané, Honda a Wague
© Getty Images
0

Giappone-Senegal 2-2: Inui replica a Mané, Honda a Wague

Africani ripresi sia nel primo che nel secondo tempo, alla fine il pari porta le due nazionali a quota quattro punti: se una tra Polonia e Colombia perde, è eliminata

 Vladimiro Cotugno domenica 24 giugno 2018

TORINO - A viso aperto, tra gol e errori, Senegal e Giappone si prendono un punto a testa e inguaiano Polonia e Colombia, ancora più sotto pressione: se una delle due perde, sarà inevitabilmente eliminata dalla competizione. A Ekaterinburg finisce 2-2, con gli africani avanti due volte e per due volte raggiunti dai Samurai di Nishino, bravo a indovinare il cambio Honda, decisivo nel fissare il risultato. 

INUI REPLICA A MANE' - Il Senegal la sblocca subito, grazie ad una pressione offensiva irresistibile: il cross è di Wague, la conclusione è dell'altro terzino Sabaly, Kawashima sbaglia l'intervento e di pugno spedisce il pallone sul ginocchio di Mané, velenoso nel farsi trovare sottoporta per l'1-0 di rapina. La reazione giapponese sbatte contro il muro Sané-Koulibaly ed è tutta in un siluro di capitan Hasebe respinto da Osako; dall'altra parte Ismaila in mezza rovesciata va vicino al raddoppio.

Africani che sembrano in controllo totale del match ma che si fanno sorprendere al 35': lancio lunghissimo dalle retrovie per Nagatomo, stop al volo fantastico - che non sembra voluto - ad eludere due difensori, in area arriva fulmineo Inui che si impossessa del pallone e di destro fredda N'Diaye per l'1-1. Il pari arriva fino all'intervallo, grazie a Kawashima che in uscita nega a Niang il raddoppio. 

OSAKO, CHE ERRORE. TRAVERSA INUI! - Si riparte senza cambi: colpo di testa di Osako debole, Niang rasoterra impegna il portiere. A mezz'ora dalla fine ancora Osako protagonista, in negativo: la palla che gli regala Shibasaki è solo da spingere in rete ma il liscio imbarazzante vanifica tutto. Il numero 15 nipponico prova a farsi perdonare cinque minuti più tardi, con un bel tacco a liberare l'inserimento di Inui in area: destro di prima a giro, palla che scavalca il portiere ma si ferma sulla traversa. 

ATTACCO SULLE FASCE: E' 2-1 SENEGAL - Dopo Niang, è Inui a finire sul taccuino di Rocchi per fermare Sarr lanciato a rete. Mancano meno di venti minuti, il Senegal manovra sulla sinistra con Mané che trova Sabaly in area: veronica e cross rasoterra del terzino che Niang sfiora ma che arriva sul destro dell'altro laterale africano, Wague, che di potenza scarica in rete il nuovo vantaggio. Di nuovo gli esterni decisivi, la chiave della manovra offensiva del ct Cissè. 

HONDA ENTRA E PAREGGIA! - Nishino a questo punto si gioca il tutto per tutto: dentro Honda per Kagawa e Okazaki per Haraguchi, nel mezzo un tiro a botta sicura di Osako in area viene respinto con il ginocchio da Sané. La palla carambola poi sul braccio del difensore ma Rocchi lascia giustamente correre. Passano pochi minuti e il Giappone pareggia di nuovo: N'Diaye esce a vuoto su un cross, Inui rimette al centro trovando Honda e il suo sinistro spietato che elude anche l'ultimo tentativo disperato di Sané. E' il gol che - ultimi cambi nel finale a parte - chiude il match, con l'ex Milan che entra nella storia del suo Giappone: mai nessun giocatore era andato a segno in tre diverse edizioni della Coppa del Mondo. 

Commenti

La Prima Pagina

Potrebbero interessarti