Tuttosport.com

Scopri l'edizione digitale su Tablet e Smartphone

Serie A, Genoa-Lazio 0-0: Marassi ancora tabù per i biancocelesti
© www.imagephotoagency.it

Serie A, Genoa-Lazio 0-0: Marassi ancora tabù per i biancocelesti

Continua il momento no per entrambe le squadre: il Grifone non vince dal 17 gennaio mentre gli uomini di Pioli dal 24 gennaio twitta

sabato 6 febbraio 2016

di Filippo Testini

GENOVA – Termina con un pareggio per 0-0 l’anticipo della 24ª giornata di Serie A tra Genoa e Lazio. Il match, disputato allo stadio Marassi di Genova, non ha regalato gol. Prosegue, di fatto, il momento no per entrambe le compagini. Il Grifone non trova la vittoria dal 17 gennaio (Genoa-Palermo 4-0), mentre i biancocelesti dal 24 gennaio (Lazio-Chievo Verona 4-1). Prosegue, inoltre, il tabù Marassi per gli uomini di Pioli che, nell’impianto genovese non vincono da circa 7 anni. L’ultima volta era il 18 aprile 2009: Genoa-Lazio, 0-1. Il pareggio odierno lascia i padroni di casa nel limbo della zona retrocessione con 25 punti, mentre blocca i capitolini al 9° posto a quota 33.

LA CLASSIFICA DI SERIE A

LE SCELTE - Gasperini presenta Ansaldi e Laxalt sulle corsie laterali mentre Suso e Cerci hanno il compito di supportare l'unica punta Pavoletti. Pioli risponde affiancando Hoedt a Mauricio mentre Djordevic viene preferito a Keita al centro dell'attacco. La novità si chiama Mauri che torna in campo dal 1' in campionato (non accadeva dal 20 settembre contro il Napoli).

SOLO PARI, PAVOLETTI OSSERVATO SPECIALE - La prima occasione del match porta la firma di Cataldi che conclude di controbalzo ma Perin si distende bene e riesce ad evitare il peggio spendendo il pallone in corner. Partenza di personalità per gli uomini di Pioli ma nei primi 15 minuti di gioco regna l'equilibrio. Al 18', però, i biancocelesti vanno vicini al vantaggio. Sugli sviluppi del calcio d'angolo, Mauri svetta bene di testa ma il pallone sbatte in pieno sulla traversa. Il Genoa fatica ad uscire dalla propria metà campo, preoccupandosi di curare la fase difensiva. Ma al 32' ecco la prima chance del Genoa di passare in vantaggio. Sugli sviluppi di un calcio piazzato, Pavoletti colpisce di testa con la palla che sorvola ampiamente la traversa. Peccato, perché - come riporta Premium Sport - in tribuna c'è Angelo Alessio, collaboratore di Antonio Conte. Il ct ha chiesto informazioni non solo su Perin ma anche su Pavoletti. Il cannoniere del grifone, dunque, sente odore d'azzurro.

ESORDIO PER PATRIC, IL BABY CANTERANO - Comincia la ripresa. Il primo possesso è del Genoa; Gasperini non ha messo mano alla panchina, Pioli ha effettuato una sostituzione: fuori Basta, dentro Patricio Gabarron Gil, detto semplicemente Patric, (giocatore cresciuto nella cantera del Barcellona) che esordisce in maglia biancoceleste. Le due squadre iniziano a giocare a viso aperto. Il Grifone potrebbe trovare la rete del vantaggio al 63' con Munoz ma fallisce amaramente. Sul traversone di Suso, il difensore stacca in modo perentorio ma è decisivo l'intervento di Marchetti che gli chiude lo specchio della porta. Dopo pochi minuti, Keita (entrato al posto di Mauri) si lascia andare in area di rigore ma l'arbitro Orsato preferisce non ammonirlo per simulazione. Tutte e due le squadre ci credono e vogliono vincere. La Lazio attacca a testa bassa alla ricerca del gol vittoria ma alla fine il risultato si fissa sullo 0-0.

GENOA-LAZIO 0-0: TABELLINO E STATISTICHE

@filippotestini

 

 

Tags: Serie AGenoaLaziopioliGasperiniMauripavolettiItaliaAngelo AlessioAntonio ContePatricBarcellona

Tutte le notizie di Serie A

Approfondimenti

Commenti