Tuttosport.com

Scopri l'edizione digitale su Tablet e Smartphone

Juventus show, Sampdoria schiacciata 3-0: il Napoli scivola a -6
© Getty Images

Juventus show, Sampdoria schiacciata 3-0: il Napoli scivola a -6

Un incredibile Douglas Costa serve tre assist per i gol di Mandzukic, Höwedes e Khediratwitta

domenica 15 aprile 2018

di Guido Vaciago

TORINO - Non serve la rabbia di Madrid, basta la schiacciante superiorità tecnica della Juventus per asfaltare la Sampdoria e allungare sul Napoli a +6. Non suda neppure troppo la squadra di Allegri, fra lunghe pause e fiammate di un incredibile Douglas Costa che fa venire voglia, a chiunque guardi la partita, di fare il centravanti della Juventus: con degli assist così lo sfizio di un gol in Serie A è una cosa per tutti o quasi.

CONVALESCENZA - Tra gli strameritati tributi degli spalti e qualche assestamento tecnico tattico dovuto all’inevitabile stanchezza psicofisica, il primo di tempo di Juventus-Sampdoria è il periodo di convalescenza che i bianconeri si concedono dopo Madrid. La calma di chi percepisce la propria superiorità, i tanti errori di chi ha lo spirito indolenzito dall’adrenalina di Champions e i muscoli un po’ pigri. Controlla, gestisce, ma non riesce a graffiare. Per contro non rischia mai.

IL PRIMO GOL - Howedes a destra svela il più misterioso giocatore della Juventus di quest’anno. Lo avevamo lasciato dopo 60 minuti da centrale a e lo ritroviamo questa volta sulla destra: bene in fase difensiva, male in quella offensiva, si vede che è un centrale riciclato. Dall’altra parte, per contro, Asamoha si danna, a volte esagerando e strafacendo. Dybala alterna spunti e sonnellini, Cuadrado pure. In mezzo tutto regolare Pjanic viaggia piano e si fa pure male alla fine del primo tempo. Ed è la svolta. Perché al suo posto entra Douglas Costa, lasciato lussuosamente in panchina, entra e in 25” impasta e sforna un pasticcino troppo goloso per Mandzukic che la butta dentro con facilità.

SUPER FLASH - La ripresa inizia esattamente come il primo tempo. La Juventus gestisce con allegriana calma, Douglas Costa se ne va in giro con due pennelli al posto dei piedi e dipinge un altro cross sul quale si avventa Howedes, un gol per li tocco fiabesco al pomeriggio del +6 sul Napoli. Ma Douglas Costa è ormai entrato in modalità incandescente e ogni volta che viene innescato inventa qualcosa di pazzesco: la fuga sulla destra al 75’ è roba da “Fuga per la vittoria” e la palla che mette in mezzo per Khedira è solo da spingere in porta. La Samp è stordita, frustrata dalla superiorità tecnica juventina, scava nell’orgoglio per trovare le energie necessarie a finire la partita, ma vede Buffon piuttosto da lontano.

Tags: JuventusSampdoria

Tutte le notizie di Serie A

Approfondimenti

Commenti