Calcio

Crotone, Nicola si è dimesso: incomprensioni con la dirigenza
© ANSA

Crotone, Nicola si è dimesso: incomprensioni con la dirigenza

Ufficiale: l'allenatore ha presentato le sue dimissioni irrevocabili dopo la sconfitta con l'Udinese, la quarta consecutiva tra Campionato e Coppa Italiatwitta

mercoledì 6 dicembre 2017

CROTONE - Davide Nicola ha presentato le dimissioni irrevocabili da allenatore del Crotone. La decisione improvvisa è stata presa dopo la sconfitta con l'Udinese, la quarta consecutiva tra campionato e Coppa Italia, a causa di incomprensioni con la dirigenza alla fine della gara. Nicola aveva detto che «chi pensava di salvarsi prima si sbagliava di grosso», una frase sibillina che forse era riferita a critiche di troppo. 

IL COMUNICATO - «Il Football Club Crotone comunica che il tecnico Davide Nicola ha presentato, in data odierna, le sue dimissioni da allenatore della prima squadra. Insieme al tecnico piemontese, hanno rassegnato le dimissioni i componenti del suo staff: l’allenatore in seconda Manuele Cacicia, il preparatore atletico Gabriele Stoppino e il collaboratore tecnico Rossano Berti. La Società ringrazia il tecnico e il suo staff per il lavoro svolto e augura loro le migliori fortune in campo professionale ed umano. L’allenamento di oggi pomeriggio verrà condotto da Antonio Macrì, Ivan Moschella e Elmiro Trombino».

VRENNA SI DIFENDE -  "Rispetto la decisione del mister, ma non la condivido". Gianni Vrenna, presidente dell'Fc Crotone, commenta così le improvvise dimissioni del tecnico Davide Nicola. Vrenna spiega l'episodio accaduto durante Crotone-Udinese che avrebbe causato le dimissioni di Nicola. "Tra il primo ed il secondo secondo tempo - racconta parlando della sconfitta di lunedì contro l'Udinese - sono entrato negli spogliatoi per spronare la squadra e lui ha ritenuto che questo mio intervento lo avesse delegittimato. Non è nel mio stile, non sono mai intervenuto sotto l'aspetto tecnico, né su come schierare la squadra. Io ho ritenuto come presidente, che ha il diritto e dovere di intervenire quando le cose non vanno, di andare a dare uno sprone alla squadra. Ne sono testimoni i calciatori: ho detto solo 'tirate fuori gli attributi perché stiamo perdendo contro una squadra che ha fatto un solo tiro in portà. Questa mattina ci siamo incontrati con Nicola ed ho cercato di dirgli di ripensarci, ma lui ribadito le sue motivazioni".

Il massimo dirigente rossoblù ha incontrato i giornalisti subito dopo avere parlato con la squadra alla ripresa degli allenamenti. "È accaduta - dice - una cosa inattesa. Nessuno si aspettava questa decisione, né io, né la squadra, né il direttore. Sono andato a parlare con i calciatori per dire loro di compattarsi e che la Serie A è fondamentale per noi, ma anche per loro. Non condivido la decisione del mister pur rispettando la sua scelta. Noi accettiamo ed andiamo avanti". La società, adesso, si sta muovendo in cerca di un nuovo tecnico in vista della trasferta contro il Sassuolo. "Il profilo che fa al caso del Crotone - dice Vrenna - è un allenatore che porti entusiasmo. Ci prendiamo 24-48 ore di riflessione. È un momento delicato anche per via delle prossime importanti gare in chiave salvezza. Sceglieremo con calma, insieme a Raffaele (il direttore generale figlio del presidente, ndr) ed al ds Ursino: vedremo il profilo che meglio si addice a questa squadra. Ce la metteremo tutta per avere il nuovo tecnico per la gara con il Sassuolo. Non vogliamo affrettare le cose, vogliamo parlargli e vedere se le sue idee si sposano con quelle del Crotone".

Tags: Crotone

Tutte le notizie di Crotone

Approfondimenti

Commenti