Tuttosport.com

Scopri l'edizione digitale su Tablet e Smartphone

Inter, è l'ora dei bilanci. Il progetto non decolla

L'eliminazione dalla Coppa Italia e la stagione, fin qui deludente, fanno suonare il campanello d'allarme in casa nerazzurratwitta

sabato 11 gennaio 2014

MILANO - Adesso il bilancio comincia ad essere davvero in rosso. Perché non si discute più se sia plausibile il confronto con la prima Inter di Stramaccioni, che aveva fatto meglio della prima Inter di Mazzarri, o se invece il paragone vada fatta con la seconda Inter di Stramaccioni, quella che non vinceva una partita nemmeno per sbaglio. Adesso è ora di parlare di risultati in assoluto, di progettualità, di semina. Adesso è tempo di parlare del gioco espresso, delle difficoltà manifeste, del fatto che anche la più brutta Udinese degli ultimi anni sia riuscita a dare una grossa delusione all’Inter di oggi, estromettendola dalla Coppa Italia. Ed è su questi aspetti che l’Inter è deludente: perché se è vero che Mazzarri aveva messo le mani avanti, alla vigilia, affermando che la Coppa non fosse “l’obiettivo” dell’Inter, allora va legittimamente chiesto quale sia, davvero, l’obiettivo nerazzurro. La vittoria nel derby, capace di consegnare alla comitiva una lunga e felice pausa natalizia, appare sempre più uno squillo nel deserto di prestazioni insufficienti. E se la squadra latita, se i giocatori non corrono più, che dire di una società perennemente assente, che ha lasciato in totale solitudine un gruppo abituato ad avere Moratti più come padre che come padrone? Ma questo, che rischia di essere un alibi, è invece il primo, grave errore del nuovo presidente. Che a forza di pensare al business, ha dimenticato di pensare all’anima del club. Forse ancora inconsapevole che senza anima non c’è business. E senza business, che ci sta a fare Thohir? Da tempo i tifosi nerazzurri si stanno facendo qualche domanda, sull’argomento. Adesso, però, l’equazione appare scontata: meno risultati uguale più domande. Si cercano risposte adeguate. Quanto prima.

Tutte le notizie di Inter

Approfondimenti

Commenti