Tuttosport.com

Scopri l'edizione digitale su Tablet e Smartphone

Inter, Spalletti: «Gol? Solo tre squadre hanno fatto meglio...»
© Marco Canoniero

Inter, Spalletti: «Gol? Solo tre squadre hanno fatto meglio...»

L'allenatore nerazzurro alla vigilia della sfida contro il Cagliari: «La vittoria è l'unico obiettivo. E come prestazioni siamo a posto»twitta

lunedì 16 aprile 2018

MILANO - "Ci eravamo creati la possibilità di gestire qualcosa, ce la siamo giocata. Restano 6 partite, non so quanti punti dovremo fare per la Champions. Dobbiamo analizzare la situazione partita dopo partita". Così Luciano Spalletti, allenatore dell'Inter, proiettandosi sulla corsa al terzo posto alla vigilia del match casalingo con il Cagliari. Con un successo a Bergamo nell'ultimo turno i nerazzurri avrebbero potuto scavalcare in classifica Lazio e Roma, rivali per la Champions. "La vittoria domani è l'unico obiettivo, il fatto che si venga da qualche risultato non pieno e da qualche partita dove abbiamo segnato poco non deve far confusione sull'analisi della prestazione", ha sottolineato il tecnico in conferenza stampa. "Come prestazioni siamo a posto. E' chiaro che il gol fa sempre la differenza".

Serie A, Atalanta-Inter 0-0: pareggio senza reti a Bergamo

"Nell'obiettivo di crescita continua dobbiamo metterci sempre qualcosa di più sia individualmente che collettivamente. Anche altri calciatori, oltre a Icardi e Perisic, devono portare alla casella dei gol fatti un numero superiore. Se non si tirano fuori numeri in queste sei partite la possibilità non ripassa più. Dobbiamo aumentare tutti qualcosa, riuscire a trovare qualcosa per fare noi da traino e non aspettare che qualcuno ci illumini", ha spiegato il tecnico in conferenza stampa. "Siamo un gruppo di qualità e per certi versi - ha aggiunto - è stato fatto vedere. Poi affinché questa venga fuori eccelsa bisogna metterci oltre che la qualità tecnica la qualità caratteriale, fisica, mantenendo per un lungo periodo determinati comportamenti e attenzioni. Il mondo - ha proseguito il mister nerazzurro - è pieno di meteore, fai una cosa bene e ti riempiono di titoli. Ma la classifica vuole che tu lo faccia sempre".

Spalletti è tornato sulla prestazione offerta dalla squadra in casa dell'Atalanta. "Serviva più aggressività? Siamo già dentro a questa richiesta. I primi 20 minuti sono stati difficili, i successivi 25 hanno già avuto sviluppi diversi. Il secondo tempo è stato diverso", ha analizzato. "Le altre partite che abbiamo fatto a Bergamo non mi sono sembrate molto differenti, sono sempre state molto difficili. Sabato nel primo quarto d'ora abbiamo sbagliato qualcosa, io dovevo essere più chiaro visto quello che hanno eseguito. Ma dopo abbiamo costruito 2-3 ripartenze dove abbiamo sbagliato il gesto tecnico. In fondo alla partita - ha aggiunto Spalletti - non c'è stata tutta differenza che si vuole dire. Poi quando non vinci aumentano i discorsi, le critiche, i consigli". Il discorso si è soffermato su Rafinha: "Sta bene, dopo periodi lunghi senza giocare un po' di tempo per riprendere il ritmo. Poi c'è la gestione interna. E' una valutazione che va fatta di giorno in giorno, non solo nella partita precedente, ci sono elementi che vanno valutati di allenamento in allenamento".

Sui recenti problemi realizzativi, Spalletti ha sottolineato: "Solo Lazio, Napoli e Juve hanno fatto più gol di noi. E sono le tre squadre che negli ultimi anni hanno sempre fatto l'alta classifica. Ma pensiamo anche a quanti gol ha preso la Lazio. Non tiriamo fuori solo quello che fa comodo, in questi numeri c'è anche qualcosa che va bene. Poi è vero che si può sempre fare qualcosa di più". Sulla classifica: "Se guarderò anche chi ci precede? Può anche essere che il Milan rientri dentro. Se non siamo attenti, dall'altra pare può arrivare la tranvata. Si deve guardare un po' tutto", ha avvertito l'allenatore nerazzurro.

Tutte le notizie di Inter

Approfondimenti

Commenti