Juventus

Juventus, è sempre 3-5-2 ma cambia... tutto!
© LaPresse

Juventus, è sempre 3-5-2 ma cambia... tutto!

Gli interpreti di centrocampo convincono e rendono meglio. La Juve punisce i punti deboli del Cagliari sui blocchitwitta

giovedì 22 settembre 2016

 Adriano Bacconi

TORINO - La formazione della Juventus è conservativa nel sistema di gioco, Allegri resiste alla tentazione di provare il tridente e ripropone il 3-5-2 ,ma è innovativa negli interpreti. Il play è Hernanes, ruolo in cui si era cimentato anche l’anno scorso anche in Champions, mentre Pjanic ritrova la sua posizione di interno offensivo con Lemina più attento alle coperture. In attacco torna la coppia “titolare” Dybala- Higuain. Rastelli conferma il tridente offensivo per non farsi schiacciare e non rinunciare alle ripartenze. In effetti la partenza degli isolani è aggressiva. Il pressing alto studiato da Rastelli è un’arma a doppio taglio e si capisce che la difesa rossoblù è intimorita dai movimenti del Pipita. Il gol, come ipotizzato alla vigilia, arriva da un blocco su calcio piazzato. Le marcature a uomo non funzionano, Hernanes da palo a favorire l’arrivo di Higuain. Il lob di Pjanic è coi giri giusti, l’argentino completamente libero di coordinarsi e calciare al volo incrociando la traiettoria. Storari è ancora reattivo ma Rugani è pronto per il tap-in che sembra chiudere la partita precocemente.

Leggi l'articolo completo sull'edizione di Tuttosport oggi in edicola

JUVENTUS-CAGLIARI 4-0, LE PAGELLE DEL MATCH

Tutte le notizie di Juventus

Approfondimenti

Commenti