Juventus

Juventus, Allegri: «Non ci illudiamo di poter vincere sempre 3-0. Serve umiltà»
© ANSA

Juventus, Allegri: «Non ci illudiamo di poter vincere sempre 3-0. Serve umiltà»

Il tecnico si sfoga: «Forse qualcuno si sta illudendo che sia tutto facile, ma tutte faticano a vincere, anche il Real e il Barcellona»twitta

lunedì 26 settembre 2016

dal nostro inviato Guido Vaciago

ZAGABRIA - Massimiliano Allegri, la Dinamo è la squadra meno attrezzata del girone: è qui che bisogna fare i punti importanti per la qualificazione in testa al girone
«Intanto prendiamo tre. Al momento non sappiamo quanti punti servono per arrivare primi. IN Europa non è mai semplice vincere le partite in trasferta. E’ importante venire a casa con i tre punti, anche attraverso la prestazione».

Sia Mandzukic che Pjaca hanno giocato in questo stadio e nella Dinamo: può uno dei due partire dall’inizio?
«Vediamo, aver giocato nella Dinamo non è una condizione sufficiente per giocare la partita di domani… Vediamo la condizione, vediamo soprattutto le energie, domani è una partita da affrontare con grande concentrazione e attenzione, soprattutto sapendo che abbiamo l’obbligo di conquistare la qualificazione».

Hernanes è un candidato forte per il centrocampo?
«Domani giocano Khedira, Hernanes e Pjanic»

Evra può essere più utile in panchina, visto che è l’unica alternativa per i tre centrali?
«Può anche partire titolare, anche perché Alex Sandro ne ha fatte cinque delle ultime sei. E’ vero che Evra può fare uno dei due centrali, ma può farlo a partita in corso».

«E’ solo un mese che siamo insieme, ci sono giocatori che devono inserirsi in un contesto di gioco collaudato da anni e farlo in modo da sfruttare al meglio le proprie caratteristiche tecniche personali, per questo dobbiamo crescere e su questo stiamo lavorando. Poi, come a Palermo, possono anche esserci errori personali estemporanei, in generale però dobbiamo dare più ordine e ampiezza in fase di costruzione che in fase di non possesso»

Cosa intendi per «dobbiamo imparare a dare la palla a Higuain». E domani giocherà?
«Higuain domani gioca. Ha caratteristiche diverse da Mandzukic e la conoscenza dei giocatori passa dagli allenamenti, dalle particelle, dalle partite… ora abbiamo 15 punti in campionato dopo sei partite, alcune giocate bene altre meno bene. Non ci illudiamo, non dobbiamo vincere tutte le partite tre a zero, ma noi dobbiamo tornare a essere umili, perché dobbiamo sudare, sacrificarci per vincere. Noi dobbiamo lavorare tanto per migliorare noi stessi, perché l’illusione porta superficialità e la superficialità porta all’errore. L’anno scorso a Palermo abbiamo vinto una partita 3-0 che al 90’ eravamo 1-0… e l’anno prima avevamo vinto 1-0 con Morata a un quarto d’ora dalla fine. La Juventus finora ha vinto le partite che doveva vincere. La Juventus deve essere pratica, chi pensa che dobbiamo vincere facile e 3-0 è un illuso. Non possiamo pensare che sette partite in un mese si possano giocare tutte in modo perfetto tecnicamente. All’interno sappiamo che alcune partite le giochi peggio e sappiamo che all’interno delle partite ci sono dei momenti da gestire. Non è che io mi sia mai illuso. Io sono una persona molto pratica e pragmatica, perché il 31 maggio conta essere primi. L’anno dopo non si ricordano chi è arrivato secondo. due anni fa non si ricordano della finale di Champions che potevano vincere se Tevez, se Pogba… si ricordano che ha vinto il Barcellona, stop. Per arrivare a vincere non bisogna illudersi, tutte le squadre fanno fatica a vincere le partite, anche Barcellona e Real Madrid, se torniamo a capire che bisogna fare fatica allora possiamo vincere, altrimenti se dopo 45’ rientriamo negli spogliatoi sullo 0-0 c’è una delusione pazzesca. Non dobbiamo fare così… Fermo restando che la squadra ha un organico che la mette fra le prime quattro d’Europa».

Chi è il destinatario del messaggio sull’illusione?
«C’è un’atmosfera… Anche noi al nostro interno, non solo nell’ambiente. Un passetto alla volta. Dobbiamo giocare bene, ma migliorarci. Dobbiamo staccarci dalle convinzioni nate dal grande mercato, non si vincono tutte le partite tre a zero per un grande mercato».

Cosa pensa di Pjaca?
«Molto soddisfatto di lui. Sarà un giocatore importante per la Juventus».

GIOCANO HERNANES E HIGUAIN

SOPIC: «PJACA DIVENTERA' UNO DEI PIU' FORTI AL MONDO»

Tags: JuventusAllegriZagabria

Tutte le notizie di Juventus

Approfondimenti

Commenti