Juventus

Barzagli: «Bonucci? Non è Maradona... Abbiamo già giocato senza»
© LaPresse

Barzagli: «Bonucci? Non è Maradona... Abbiamo già giocato senza»

Il 36enne difensore bianconero, alla Juve ormai dal 2011, ha parlato così dell'addio dell'ex compagno di reparto andato al Milan: «Mi ha fatto uno strano effetto...»

twitta

sabato 19 agosto 2017

TORINO - La Juventus si appresta ad iniziare il settimo campionato di Serie A con in difesa "The Wall" Andrea Barzagli (arrivato solo a gennaio nella stagione 2010/2011). Il roccioso difensore toscano è il pezzo di esperienza e sapienza tattica della forte muraglia juventina che ha visto però quest'estate perdere uno dei suoi pilastri: Leonardo Bonucci, passato al Milan (tra tante polemiche) segnando la fine della triade insuperabile formata dai due insieme a Chiellini, nota a tutti i tifosi juventini con la sigla "BBC".

Barzagli-Chiellini per la difesa in Juventus-Cagliari

"NON È MARADONA" - E proprio dei possibili effetti dell'addio di Bonucci sulla Juve di Allegri ha parlato così Barzagli a margine della festa di Villar Perosa: «Sono andati via due giocatori molto importanti (Dani Alves, ndr), ma ci sono dinamiche di squadra in cui vanno in campo 11 giocatori, e uno-due giocatori non spostano l'equilibrio. A parte Maradona, Messi e Ronaldo diciamo che difficilmente un giocatore sin­golo ti determina vittorie o me­no. L’importante in una squadra è la mentalità, ci vuole la mentalità giusta e questa dovremo darla soprattutto noi vecchietti - ha spiegato il 36enne -. L'assenza di Bonucci ci toglie sicurezza? Abbiamo giocato anche senza Leo, è normale che quando succedono certe cose ognuno si faccia la propria idea, ma noi abbiamo un gruppo importante e possiamo ambire a tutti i nostri obiettivi».

Difesa Juve. Marotta ha deciso: Garay la prima scelta

SUI SALUTI - A poche ore dall'esordio in campionato, Barzagli ha poi voluto chiarire ulteriormente: «Se mi manca la BBC? I primi giorni faceva uno strano effetto, sono stati sei anni intensi, fatti di tante vittorie ed alcune sconfitte. Leo era importante per noi, ma nel calcio moderno ci so­no dinamiche che un gioca­tore solo non puo? spostare... Pochi l’hanno salutato via social? Io ho sentito di farlo e ho postato, altri magari l’hanno fatto privatamen­te».

Tags: BarzagliBonucci

Tutte le notizie di Juventus

Approfondimenti

Commenti