Juventus

Higuain: «Decidere di andare alla Juventus non fu facile, ma ne sono fiero e felice»

Lunga intervista dell'attaccante bianconero a "So Foot": «Sarri disse che ero pigro e aveva un po' ragione». A Sky Sport: «Inter avversario ostico, ma vogliamo il sorpasso»twitta

giovedì 7 dicembre 2017

1 di 5

TORINO - Come finisce la partita con l’Inter? «Speriamo con una vittoria della Juve». Gonzalo Higuain si proietta alla supersfida di sabato sera contro la squadra di Spalletti. Sarà anche l’occasione per il personale duello con Mauro Icardi: «Non giocano soltanto due giocatori – ha detto il Pipita a Sky Sport -. Ne giocano 22, più quelli che entrano dalla panchina. Quindi la partita si vince con il gruppo». L’Inter «è un avversario ostico, duro, con un grande allenatore. Sarà una battaglia, speriamo di prendere questo primato per poi aspettare il risultato di Napoli. Ma speriamo di fare una grandissima partita e di ottenere questi tre punti fondamentali per la lotta scudetto».

NOTTI EUROPEE - Lunedì la Juve conoscerà il suo destino in Champions League con il sorteggio degli ottavi di finale. Higuain «non si aspetta nulla. Per vincere questo trofeo bisogna affrontare tutte le squadre. L’avversario è indifferente, dovremo preparare la partita al meglio».

IL NAPOLI – Al San Paolo si è vista la migliore Juve dell’anno? «Non lo so – è la risposta del Pipita -. Ma sicuramente a Napoli quasi nessuna squadra è riuscita a non subire gol. È difficile, loro giocano tanto e fanno parecchi gol. Ma noi con attenzione abbiamo portato a casa tre punti importantissimi». Sul gol e sui cori dei tifosi azzurri: «Ognuno è libero di mostrare i suoi pensieri e i suoi sentimenti, l’ho detto tante volte. Ma il mio non cambierà mai, io penso sempre le stesse cose su Napoli. Sono stati tre anni meravigliosi, ho ringraziato sempre tanti tifosi, la società e lo staff, tutti quelli che mi hanno trattato bene. Ho dato tutto come ha detto anche Sarri. Non avevo lo stesso modo di pensare del presidente, e niente più. Ora sto alla Juve e non posso negare l’amore che mi danno qui, che sento sempre dalle tribune».

ARGENTINA Messi lo ha sponsorizzato per il prossimo Mondiale in Russia. «Con Leo abbiamo sempre avuto un bel rapporto, al di là del calciatore straordinario che è. Ci siamo sempre rispettati, lo ammiro e con queste parole mi riempie di felicità. Ho solo voglia di andare in Nazionale e le parole di un calciatore come lui mi danno soltanto soddisfazione».

PAULO STIA TRANQUILLO - «Dybala in difficoltà? Paulo deve stare tranquillo – ha continuato Higuain a Premium Sport -. Ogni tanto parlo con lui e gli dico che deve stare calmo e fare quello che sa. Ci sono passato anche io da quella situazione. Tutta la mia carriera è stata così, se segnavo sempre era una cosa normale, se non segnavo per due partite mi ammazzavano. Ma questo succede solo ai giocatori importanti, quindi questa cosa deve renderlo orgoglioso perché significa che è uno dei migliori attaccanti».

L'INTERVISTA DI HIGUAIN A 'SO FOOT'

1 di 5
Tutte le notizie di Juventus

Approfondimenti

Commenti