Juventus

Juventus, caccia al vice Dybala: chi lo sostituirà?
© Juventus FC via Getty Images

Juventus, caccia al vice Dybala: chi lo sostituirà?

Douglas Costa e Bernardeschi: corsa al posto nel tridente. Verso il Genoa con il 4-3-3: uno tra l’ex viola e il brasiliano con Higuain e Mandzukic Ma prima di tutto la forma fisica: ieri test di valutazione funzionale per il gruppotwitta

giovedì 18 gennaio 2018

di Fabio Riva

TORINO - Allegri a casa, malato. Ma ovviamente la Juve non si ferma. Peraltro, era previsto che ieri fossero i membri di staff atletico e medico a fare i protagonisti, e così è stato: ciascuno dei giocatori è stato sottoposto a test di valutazione funzionale svolti sia sui campi di Vinovo sia presso il J Medical, allo Stadum. Obiettivo duplice: verificre che le recenti vacanze non abbiano avuto un... peso eccessivo sulle condizioni fisiche e immagazzinare dati grazie ai quali impostare le prossime sedute di lavoro, come si sa customizzate in base alle caratteristiche di ciascuno. Da impostare, però, per il prossimo mesetto, c’è anche una Juventus senza Paulo Dybala: l’argentino è ai box per l’infortunio muscolare (lesione distrattiva ai flessori della coscia destra di grado lieve-medio) rimediato durante Cagliari-Juventus e nel migliore dei casi - ma non è affatto scontato - rientrerà a disposizione per Juventus-Tottenham del 13 febbraio. A partire dalla sfida di ripresa contro il Genoa - lunedì prossimo all’Allianz Stadium - Massimiliano Allegri potrebbe dunque orientarsi verso un 4-3-3 con Gonzalo Higuain e Mario Mandzukic nel tridente completato da uno tra Douglas Costa e Federico Bernardeschi (Juan Cuadrado, infatti, non è ancora disponibile: alle prese com’è con un doppio fastidio: sia al polpaccio, sia di natura pubalgica). Vien da sé, insomma, che il brasiliano e l’ex viola avranno modo contendersi il posto disponibile, in primis, e poi sfruttare l’occasione per scalare posti nelle gerarchie, dimostrandosi sempre più funzionali al progetto Juventus. Entrambi sono del resto stati protagonisti di un avvio interlocutorio e guardingo, salvo iniziare a far sentire in maniera sempre più netta il rispettivo peso specifico sulle dinamiche di squadra. Allegri chiederà loro pesonalità e concretezza, sacificio in fase di non possesso palla, oltre che i soliti magheggi tutto tecnica, estro e qualità che rappresentanto la specialità della casa.

Leggi l'articolo completo sull'edizione odierna di Tuttosport

Tags: Juventus

Tutte le notizie di Juventus

Approfondimenti

Commenti