Juventus

Se la Juventus ripete l'andata si può suicidare
© www.imagephotoagency.it

Se la Juventus ripete l'andata si può suicidare

A Torino si è schiacciata dopo i gol, così Kane colpiscetwitta

martedì 6 marzo 2018

di Sergio Baldini

TORINO - Testa e piedi: la Juventus dovrà far meglio con entrambi, rispetto all’andata, per proseguire il cammino in Champions. Può farcela, come avete letto sopra, ma corre anche dei rischi e deve evitare che ne derivino danni, come accaduto a Torino. Dovrà far meglio con la testa, perché allo Stadium dopo il 2-0 si era abbassata troppo, probabilmente per eccesso di fiducia nella propria fase difensiva. E’ vero che i gol degli Spurs erano stati abbastanza casuali, ma Buffon aveva dovuto compiere una gran parata su colpo di testa di Kane prima di essere battuto dal bomber inglese. Un attaccante talmente forte in area da battere, prima o poi, anche i difensori bianconeri se servito troppo spesso e bene nei 16 metri finali: situazione inevitabile se i talentuosi trequartisti del Tottenham possono giocare con continuità a ridosso dell’area. La Juventus potrà anche lasciare l’iniziativa agli Spurs per colpire negli spazi, ma senza schiacciarsi troppo. «E’ stato il Tottenham a schiacciarci», aveva detto Allegri dopo l’andata e in effetti la supremazia inglese non era stata frutto soo dell’atteggiamento bianconero. La squadra di Pochettino aveva impedito alla Juventus di rialzarsi imponendo superiore fisicità, a cui i bianconeri non avevano trovato antidoto: sarebbero servite qualità e precisione, venute a mancare. «Abbiamo avuto il 55% di passaggi giusti, non è possibile con le nostre qualità e difatti normalmente siamo oltre il 75%», aveva spiegato Allegri pochi giorni dopo. Ecco perché servirà fare meglio anche con i piedi.

Juventus-Tottenham, le immagini della partita

Tags: Juventus

Tutte le notizie di Juventus

Approfondimenti

Commenti