Tuttosport.com

Scopri l'edizione digitale su Tablet e Smartphone

0

Ora le cessioni e Rabiot aspetta anche la Juventus

Da Parigi, rotta su Torino: da Higuain a Marchisio, passando per Rugani e Sturaro, il mercato dei campioni d'Italia promette ulteriori novità. Sul mediano del Psg non c'è soltanto Marotta. E il caso Alex Sandro si può risolvere a breve

di Antonino Milone mercoledì 4 luglio 2018

TORINO - Cristiano Ronaldo a un passo dalla Juventus fagocita tutto, al punto che persino la cessione - a questo punto, sempre più inevitabile - di Gonzalo Higuain va catalogata fra le notizie di secondo piano. Perché immaginare il Pipita assieme a CR7, Paulo Dybala, Mario Mandzukic e compagnia di ali pronte a volare sulla fascia pare più un esercizio di fantasia che non una seria prospettiva. Quella, semmai, conduce a Londra, a Stamford Bridge, a quel Chelsea che in attesa di separarsi da Antonio Conte (affare non semplice) tiene Maurizio Sarri in standby. Oggi c’è il preraduno dei Blues, lunedì 9 il gruppo si ricompatterà e chissà che l’ex bomber del Napoli non ne faccia parte. Higuain della Juve non è ancora un ex, ma la sua partenza - al netto dell’operazione Pallone d’Oro - non è mai sembrata davvero in dubbio. Pipita al Chelsea, in caso di fumata bianca, sarà il frutto di una trattativa da 60 milioni per evitare minusvalenze nel bilancio bianconero, e con lo stesso Daniele Rugani a rischio di cessione: il pacchetto da 100 milioni non è una certezza, però neppure si può escludere.

In entrata, invece, non è detto che ci saranno altri cambiamenti consistenti. Sfoltire la rosa - Ronaldo o non Ronaldo - resta una necessità (dopo Rolando Mandragora all’Udinese si attende l’accelerata decisiva per la cessione di Stefano Sturaro, in pole c’è il Newcastle), prima di dar vita ad ulteriori modifiche nella rosa di Massimiliano Allegri. Niente da fare per Aleksandr Golovin, ormai diretto al Chelsea (che intanto tratta la cessione del brasiliano Willian al Barcellona) subito dopo la fine del Mondiale. A centrocampo la Juve non molla la pista che conduce al giovane Adrien Rabiot, 23 anni e un contratto in scadenza nel 2019 che intriga molto gli uomini mercato bianconeri assieme ad altri top club d’Europa. Ecco, immaginare l’uscita di Sturaro e Claudio Marchisio con l’innesto dell’ex Tolosa è un’idea tutt’altro che irrealizzabile. Il resto del mercato dipenderà da ciò che sarà di Alex Sandro.

Leggi l'articolo completo sull'edizione odierna di Tuttosport

Juventus Calciomercato Rabiot

Commenti

La Prima Pagina

Potrebbero interessarti