Tuttosport.com

Scopri l'edizione digitale su Tablet e Smartphone

Juventus: la difesa balla ma ci pensa Allegri
© Marco Canoniero
0

Juventus: la difesa balla ma ci pensa Allegri

Otto tiri concessi, 3 gol subiti: troppi. Allegri le studia tutte per rialzare il muro

 Antonino Milone martedì 4 settembre 2018

TORINO - A volte è anche una questione di sfortuna («Siamo rimasti in 10 per 30 secondi e abbiamo subito il gol», mancava Juan Cuadrado), ma il problema può essere risolto solo con il tempo. Vietato concedere troppe ripartenze: Massimiliano Allegri l’ha fatto capire nel post Parma e presto lo ripeterà ai suoi. Perché la Juventus già perforata tre volte in altrettante partite ufficiali fa notizia e per la difesa più forte degli ultimi 7 campionati, questi non sono buoni numeri. Il nodo legato alla maggiore penetrabilità della retroguardia (attenzione: non è fragilità, ma ben altro) per alcuni è strettamente connesso alla pazienza nella gestione del pallone, che ora come ora ai campioni d’Italia manca quando gli avversari vanno tenuti bassi: lo pensa, innanzitutto, il tecnico bianconero.

Ma c’è chi sottolinea pure il posizionamento errato dei singoli nei momenti topici: Leonardo Bonucci, in questo senso, tra Chievo e Parma non è sembrato inappuntabile e come lui il resto del pacchetto arretrato. E’ vero, i risultati tendono a offuscare lacune che in avvio di stagione ci stanno. Però è certo che Max per primo non sia soddisfatto di un simile rendimento. Basti pensare che nell’arco del leggendario settennato juventino soltanto una volta la difesa aveva preso più gol: quattro nel torneo 2015-16, quello della strepitosa rimonta scudetto. Zero nel primo anno di Allegri, due alla terza stagione del livornese, due alla quarta.

Leggi l'articolo completo sull'edizione odierna di Tuttosport

Juventus

Commenti

Potrebbero interessarti

La Prima Pagina