Tuttosport.com

Scopri l'edizione digitale su Tablet e Smartphone

Noi stiamo con Cristiano Ronaldo: «Sembrano vicende da barzelletta»
© Getty Images
0

Noi stiamo con Cristiano Ronaldo: «Sembrano vicende da barzelletta»

Laura Chiatti: «Queste ragazze si ricordano dopo dieci anni di essere state molestate». Wanda Nara: «Puoi fare causa, non cercare pubblicità»

di Marina Salvetti venerdì 12 ottobre 2018

TORINO - Le donne al fianco di Cristiano Ronaldo. E non soltanto, come è ovvio, quelle della sua famiglia, che hanno fatto quadrato intorno al giocatore. Chi preferendo il silenzio, come la fidanzata Georgina e la sorella Elma, chi esternando vicinanza e incoraggiamento come la mamma Maria Dolores, chi invece contrattaccando come la sorella Katia, che ha lanciato la campagna social su Instagram, attraverso l’hashtag #justiçacr7, capace di raccogliere 52.500 mi piace e oltre duemila commenti. La vicenda sta avendo un effetto dirompente a livello mediatico, rimbalzando da un continente all’altro, e come tale fa discutere. Già lunedì sera sull’argomento era intervenuta a Tiki Taka Wanda Nara, moglie e agente di Mauro Icardi, ospite fissa della trasmissione. «È una situazione difficilissima, anche perché si tratta di un ambito privato. Non sappiamo che cosa sia successo, ma l’unico che ha qualcosa veramente da perdere è Cristiano». Il suo pensiero è andato poi a Kathryn Mayorga e alle sue accuse di stupro. «Se tu vivi una situazione del genere, puoi fare causa, puoi fare tutto quello che vuoi, ma non è una cosa da pubblicizzare: non capisco quale sia il fine di portare la vicenda davanti alle telecamere».

LA TIFOSA VIP - Se Wanda Nara è piena di dubbi sui risvolti mediatici utilizzati dall’accusa, una tifosa vip della Juventus come l’attrice Laura Chiatti è chiara ed efficace nel circoscrivere la faccenda. «Posso solo dire che ormai queste storie mi fanno più ridere delle barzellette». La vicenda viene etichettata come qualcosa di comico per come si è sviluppata. «Si ricordano sempre 10 anni dopo, queste ragazze, di essere state molestate - dice la Chiatti -. Credo che un professionista come Cristiano Ronaldo, che per giunta è anche un gran bel ragazzo, non abbia mai avuto bisogno di molestare nessuno. Credo più al contrario».

Leggi l'articolo completo sull'edizione odierna di Tuttosport

Commenti

Potrebbero interessarti

La Prima Pagina