Tuttosport.com

Scopri l'edizione digitale su Tablet e Smartphone

Juventus, uno Stadium d'affetto per convincere Pogba
© www.imagephotoagency.it
0

Juventus, uno Stadium d'affetto per convincere Pogba

Ritorno a casa per il centrocampista francese, acclamato dai tifosi

di Guido Vaciago giovedì 8 novembre 2018

TORINO - Il primo bacio di una notte d'amore scocca durante il riscaldamento, quando manca più di mezzora al fischio d'inizio e Paul Pogba fa il suo ingresso su quel prato che conosce benissimo e un lungo applauso lo accoglie mentre scatta verso sinistra, piegando l'istinto di andare verso destra dove per tradizione si riscalda la Juventus. È l'inizio di una lunga dimostrazione d'affetto: perché al momento della lettura delle formazioni, il pubblico indugia ancora in un lungo applauso quando arriva il suo nome e la salva di fischi che accompagna la prima azione dello United si interrompe quando la palla finisce tra i suoi piedi. E' un messaggio fin troppo chiaro: caro Paul, sei dei nostri, cosa ci fai con un'altra maglia addosso? E Pogba, che a fine partita ha fatto il giro dello Stadium per salutare il pubblico, sembra soffrire tutto questo calore. Gioca una partita ovattata, anestetizzato da Khedira e Bentancur che lo sovrastano per agonismo e tempismo, privo di grandi idee e orfano di una squadra che intorno a lui si muove in modo estemporaneo e non sempre logico.

LA GIUSTA CHIMICA - Se la decisione di prenderlo o no dipendesse dalla partita di ieri sera, i dirigenti della Juventus nutrirebbero molti dubbi sull'affare (soprattutto alla luce della prestazione di Bentancur, che ricorda quelle del giovane Pogba in bianconero). Ma, in fondo, il fatto che si parli con insistenza del ritorno del Polpo alla Juventus è proprio perché stenta a ricrearsi la giusta chimica fra il campione del mondo francese e quello che era stata la sua culla calcistica. Ma non è più il Manchester di Sir Alex Ferguson che lo allevava con cura e Patrice Evra che lo coccolava come un fratello minore, Pogba è stato paracadutato in una squadra in crisi di identità con la patente di salvatore della patria certificata dai 105 milioni spesi per lui.

Leggi l'articolo completo sull'edizione odierna di Tuttosport

Commenti

La Prima Pagina